Due marsicani ospiti alla prima esposizione del restauro della tela dell’Annunciazione danneggiata dal crollo di una chiesa nel terremoto del centro Italia del 2016



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Cultura – Sabato 16 Novembre 2019, avrà luogo la prima esposizione della tela dell’Annunciazione di Arquata, a seguito del restauro finanziato da Colgate-Palmolive e dai suoi dipendenti in occasione del 60°anniversario dello Stabilimento.

La tela dell’Annunciazione – opera di scuola preraffaellita – era stata gravemente danneggiata dal crollo della Chiesa della S.S. Annunziata di Arquata del Tronto durante il terremoto del 2016. Questa giornata dell’Opera in Stabilimento assieme ai principali attori del recupero, del finanziamento e del restauro, vuole fornire una testimonianza di come la collaborazione fra Industria, Enti Pubblici ed Ecclesiastici sia stata essenziale per la riuscita dell’operazione.Con la gentile concessione della Diocesi di Ascoli e della Soprintendenza ai Beni Culturali delle Marche e con la collaborazione dell’Università di Camerino e della Diocesi di Albano – dopo questa giornata in Stabilimento – l’opera continuerà il suo percorso espositivo nel Museo Diocesano di Albano, per consentirne una più ampia fruizione al pubblico e ai fedeli, prima del rientro nel territorio di origine a fine anno. Tra gli invitati è prevista la presenza di 2 marsicani il fisarmonicista M°Danilo Murzilli con la Presidenza Argos forze di Polizia e S.E. Mons. Giovanni D’Ercole, Vescovo di Ascoli Piceno già Vicario a L’Aquila e Vicedirettore Sala Stampa in Vaticano.

Tra le altre personalità S.E. Mons. Marcello Semeraro, Vescovo di Albano; Magg.re Carmelo Grasso, Nucleo Carabinieri per il Patrimonio; Prof.ssa Graziella Roselli, Università di Camerino; Dott. Roberto Libera, Museo Diocesano di Albano; Don Elio Navigari, Beni Ecclesiastici Ascoli Piceno; Don Nazzareno Gaspari, Parroco di Arquata; Sindaci e/o Rappresentanti dei Comuni di Arquata del Tronto, Anzio, Nettuno ed Aprilia.