Domenica parte l’operazione disinnesco della bomba. Verranno sgomberate le abitazioni poste nel raggio di 1800m



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

PescinaDomenica 15 dicembre gli artificieri del  6^Reg. Genio Pionieri procederanno a disinnescare la bomba che si trova in una zona di cava a confine con il Comune di Pescina e limitrofa alla SS 83 in direzione di Gioia dei Marsi.
Le operazioni inizieranno alle ore 7.00 con lo sgombero delle abitazioni poste nel raggio di 1800m dalla bomba.

Domenica parte l'operazione disinnesco della bomba. Verranno sgomberate le abitazioni poste nel raggio di 1800m

Le operazioni saranno svolte dal personale del 6^Reg. Genio Pionieri formato da militari altamente professionali ed addestrati ad evitare qualsiasi coinvolgimento di persone o cose. In ausilio interverranno gli uomini e le donne delle Polizie Municipali e degli Uffici Tecnici dei tre comuni interessati Ortucchio, Gioia dei Marsi e Pescina, le forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa Militare, la Protezione Civile Regionale e i gruppi comunali, la Asl, gli enti proprietari delle strade interessate (Provincia di L’Aquila e Anas), i gestori delle reti elettriche, idriche e di gas.

Le strade interessate sono: la SS 83, tra Venere e Gioia dei Marsi e all’ incrocio con la SP 17 per la deviazione del traffico da Pescasseroli e Pescina e viceversa, la circonfucense, tra Ortucchio e Pescina-San Benedetto; la SP Magoranese tra Lecce e Gioia e tra San Veneziano e la SS 83; varie strade comunali.

Per il comune di Pescina l’area di evacuazione riguarda una piccolissima parte di territorio, in particolare  26 persone abitanti a Venere che hanno la propria abitazione all’uscita del paese in direzione di Gioia dei Marsi.

Le persone interessate sono state tutte già contattate“, comunica sui social  il sindaco Stefano Iulianellae verranno nuovamente istruite sul da farsi attraverso l’apposita notifica di una mia ordinanza nella quale sono indicate tutte le precauzioni da adottare.
Chi non è stato contattato può restare tranquillamente nella propria abitazione in quanto non subirà alcun possibile danno se non una limitazione nei movimenti in automobile in quanto numerose strade che portano in direzione di Gioia dei Marsi verranno chiuse completamente al traffico”
.
“Le precauzioni, continua il sindaco Iulianella,  prese serviranno ad evitare il benché minimo danno nei confronti di persone, animali e beni in genere. Ribadisco altresì che tutto è stato calcolato in modo scientifico, lasciando nulla al caso“. Abbiamo predisposto per gli sfollati che lo vorranno, un luogo di ricovero e i beni di conforto per l’intera giornata.
Nelle previsioni più pessimistiche le operazioni termineranno intorno alle ore 17; qualora si riuscisse in tempi più brevi a disinnescare la carica attraverso l’estrazione delle spolette, sarà nostra cura avvisare le persone sfollate di cui abbiamo tutti i numeri di telefono che si può fare rientro nelle proprie abitazioni.
Per qualsiasi informazioni vi preghiamo di contattare i seguenti numeri di telefono: 086386268 – 3387192450″.

Tutti i cittadini sono invitati ad evitare il transito nei tratti liberi delle strade, che saranno interdette al traffico, limitando l’uso degli autoveicoli alle necessità inderogabili.

COSI IL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI GIOIA DEI MARSI

Si informano i cittadini che martedì prossimo, presso la Prefettura dell’Aquila, si svolgerà la riunione tecnica per definire le azioni e i provvedimenti necessari all’intervento del VI Genio pionieri di Roma, previsto per disinnescare e far brillare un ordigno esplosivo rinvenuto nel Comune di Ortucchio.

La bomba si trova in una zona di cava a confine con il Comune di Pescina e limitrofa alla SS 83. Bisogna tenersi pronti all’evacuazione, prevista per domenica 15 dicembre 2019. Le operazioni di disinnesco, infatti, dovranno essere svolte sul posto e dovranno essere eseguite in piena sicurezza per i cittadini e per gli utenti della strada. Che cosa succederà? Gli artificieri provvederanno a disinnescare la bomba, per farla diventare un innocuo “contenitore di materiale esplosivo”, trasportabile in sicurezza, in altra zona (in località “Arciprete” a Ortucchio) per il suo brillamento. Però, se le operazioni preliminari di disinnesco non riuscissero, gli artificieri potrebbero farla brillare nella suddetta zona di cava ad Ortucchio.

Quindi, il giorno prestabilito e comunicato, i cittadini interessati dovranno dare la massima collaborazione e dovranno allontanarsi dalla zona di pericolo, entro il raggio di 1,8 km, che sarà comunicata e segnalata. Già adesso possiamo dire che si tratta dei cittadini di San Veneziano a Gioia dei Marsi, degli abitanti delle Case Rosa e del Borgo Rurale a Ortucchio, e degli abitanti delle case sparse, site sulla SS 83 tra Venere di Pescina e Ortucchio. Essi dovranno allontanarsi dalle loro case, dopo aver chiuso le imposte e le forniture di luce e gas, allontanato i veicoli e gli animali, e riparato attrezzature e oggetti, specie se infiammabili. Per ora possiamo indicare, come orario per l’evacuazione, le ore 7:30 in punto, e fino alle ore 17:30 i cittadini non potranno fare ritorno nelle loro case, salvo il via al rientro anticipato e salvo complicazioni. Ma si ripete che la data e l’orario esatti saranno confermati martedì prossimo, quando saranno adottate le ordinanze di evacuazione dei Sindaci. Chi potrà andare a fare una gita fuori porta, vada ma dovrà uscire di casa entro le 7:30; chi potrà ospitare gli amici e i parenti, fuori della zona di pericolo, lo faccia.

Chi ha anziani e disabili in situazione di difficoltà lo comunichi all’ufficio di Polizia locale, che ha già curato il censimento delle persone fragili. Saranno contattati per gestire la loro evacuazione e collocazione. Per tutti, il Comune terrà aperta la palestra della scuola media e la mensa scolastica presso la scuola elementare. Sarà necessario comunque attrezzarsi con indumenti comodi e caldi, cappelli, sciarpe , guanti, ecc. e con cibi, documenti, medicinali, autovetture, perché non sarà possibile rientrare nelle case prima di aver ricevuto il via libera dalle autorità. Pensate anche agli animali domestici, perché potreste tornare a casa solo nel tardo pomeriggio. Alcuni cittadini riceveranno prescrizioni particolari: allontanamento della mandria di bovini; chiusura dell’attività commerciale, dell’attività produttiva, ecc.

Anche i cacciatori e gli sportivi, intenti in escursioni in montagna, dovranno fare attenzione e stare fuori dalla zona pericolosa, entro 1,8 km dalla suddetta cava ed entro 1,8 km dal posto del brillamento, se sarà diverso. Tenetevi informati, per la prossima settimana, e siate pronti a dare collaborazione per l’evacuazione, appena vi saranno comunicate, in modo definitivo, la data e l’ora per l’evacuazione e per il rientro. Tutti gli altri cittadini e utenti della strada dovranno rispettare le disposizioni per la circolazione stradale, che saranno adottate dagli organi competenti.

Le strade interessate sono: la SS 83, tra Venere e Gioia dei Marsi e all’ incrocio con la SS 17 per la deviazione del traffico da Pescasseroli a Pescina e viceversa; la circonfucense, tra Ortucchio e Pescina-San Benedetto; la SP 21 Magoranese tra Lecce nei Marsi e Gioia dei Marsi e tra San Veneziano e la SS 83; varie strade comunali. Tutti i cittadini sono invitati ad evitare il transito nei tratti liberi delle strade, che saranno interdette al traffico, limitando l’uso degli autoveicoli alle necessità inderogabili.

LEGGI ANCHE

[jnews_block_12 number_post=”1″ include_post=”380490″]