Discariche a cielo aperto: le proposte di Vittoriano Baruffa, fondatore a Celano dell’associazione “I guardiani della natura”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano – Vittoriano Baruffa dei Guardiani della Natura Celano e volontario del Ga DIT Marsica interviene sulla “questione rifiuti” a Celano e lancia una serie di proposte al consigliere comunale con delega all’ambiente Dino Iacutone a cui va il suo apprezzamento per l’approccio iniziale verso il problema. Di seguito la nota stampa integrale:

“Mi ero ripromesso – afferma Baruffa – di stare un po’ tranquillo senza pensare a rifiuti, fototrappole, telecamere e soprattutto a tutti quei delinquenti che ogni giorno incuranti di tutto deturpano il nostro ambiente. Da buon Marsicano e da buon Celanese però non mi arrendo facilmente e anche se le parole e le proposte spesso sono volate con il vento, anche perché parliamoci chiaro se non sei consigliere o amministratore nessuno ti prende sul serio, persone comprese, eccomi qui pronto più che mai a rendermi utile

Da anni ormai se non erro 7 o giù di lì insieme a delle amiche e degli amici (posso tranquillamente dire di essere diventati una grande famiglia ) organizzammo la nostra prima giornata Ecologica. Da lì oltre a sceglierci un nome che rendesse bene il nostro compito anche perché a parte qualche giornata organizzata sporadicamente nel nostro paese negli anni precedenti , eravamo il primo gruppo Ecologista di Celano ci è sembrato più che giusto darci da fare per aiutare il nostro ambiente. Tante le giornate organizzate, tante le segnalazioni fatte tante le zone bonificate e tanta la puzza che abbiamo respirato.

Non posso certamente negare di essere stati coadiuvati dal Comune anche perché rischierei di passare da strumentalizzatore, ma visti i risultati odierni, pensare che il tutto si facesse solo per, senza pensare a lungo termine e proprio come il nostro malcostume all’italiana ci insegna, beh come dire a pensar male a volte ci si azzecca. Per carità, meglio fare qualcosa che non fare niente, questo va detto, ma secondo il mio umile parere bastava e basterebbe davvero poco per arginare il problema dell'”abbandono dei rifiuti.

Le proposte che in questi anni abbiamo fatto da semplici cittadini erano molto attuabili ed oggi anche per dare un senso a questo articolo mi sento di riproporre più che mai visto il continuo nascere di discariche a cielo aperto. Proposte che faccio direttamente al consigliere comunale con Delega all’ambiente Dino Iacutone a cui va il mio apprezzamento per l’approccio iniziale verso il problema. Ecco spero solo che si continui su questa onda e non ci si fermi alla mera giornata Ecologica una volta l’anno e non si facciano le cose come elencato qui sopra, giusto per.

1 cercare di capire o meglio chiarire una volta per tutte la competenza in termini di giurisdizione nelle zone limitrofe e di confine sia con il comune di Aielli ma soprattutto con quello di Ovindoli anche perché è lì che vi sono tante zone abbandonate a se stesse trasformate a vere discariche a cielo aperto , zone che si trovano in una vera e propria terra di mezzo dove nessuno almeno fino ad oggi si è preso le proprie responsabilità !! Ecco un giusto mix di armonia e di lungimiranza porterebbe a vigilare meglio i territori!! Conoscendo la serietà dei sindaci dei 2 paesi ma anche del consigliere Iacutone sono certo che tutto ciò avvenga in tempi brevi , almeno lo spero!!!! 2 cercare di capire chi affitta le case in nero , ecco lo dico così senza grandi paroloni anche perché è questo il grande dilemma!!

Chi sono gli affittuari di quelle case dove senza un contratto legale non vi è ovviamente nessun servizio di raccolta del pattume?????? è ovvio che chi abita in queste case spesso molto fatiscenti si libera dello schifo come può!! Non biasimo men che meno tali comportamenti ma tutto come sempre parte dalla base ,sempre e comunque , come dire a buon intenditore poche parole!!! Ecco so che in questi giorni è partito il controllo da parte della polizia municipale per riportare il nuovo censimento della popolazione di Celano ,un buon motivo per fare un po’ di pulizia in tutti sensi anche perché il possidente che affitta si sa che è del posto !!!!!! 3 fare squadra con tutte le associazioni !! Da quelle di montagna a quelle di volontariato e se è possibile farlo senza preclusioni politiche!! Come? organizzando magari e non di rado assemblee pubbliche ma anche piccole riunioni più sovente e cosa più importante organizzare vere e proprie giornate educative nelle scuole !!

È li che i nostri giovani pensano e da lì che devono progettare il proprio futuro e a maggior ragione è da lì che dobbiamo cominciare a preservare il nostro Ambiente !!! 4 dotare le zone a rischio di telecamere fisse !!! Le Fototrappole semmai ci sono state non servono a nulla !! Quali sono le zone a rischio abbandono !??? Direi tutte noi casomai cominciamo dalle zone parco dove spesso e volentieri si organizzano dei pic nic!! In questi anni abbiamo spesso sollecitato i Sindaci di Celano ed Aielli a posizionare cassonetti prima dei giorni più caldi nel vero senso della parola come a Ferragosto ma anche nel giorno di Pasquetta!! L’esito del giorno dopo era molto soddisfacente e quindi la domanda che mi pongo è perché non mettere cassonetti anche durante l’anno??

Sia le Gole sia il parco della chiesetta degli Alpini di Celano però sono come ho detto prima , situate in un territorio di mezzo , di confine appunto per questo la domanda che mi assale è sempre la stessa !! Dove arrivano i confini ,dove arriva il territorio di Aielli ,dove arriva la competenza di Celano!! Chi se ne deve occupare ?? In attesa di risposte a questi miei quesiti porterò le mie istanze in privato come faccio da sempre e come ho fatto anche ultimamente manifestando semmai mi si considerasse la mia piena disponibilità a collaborare !! Tante volte sembra che le nostre parole in questi anni siano andati a vuoto , appunto per questo comincio con esporle prima a mezzo stampa”.