Difesa dei tribunali minori. Di Girolamo (M5S): “battaglia sui tribunali sia qualificante per le aree interne, proroga necessaria”



Abruzzo – La difesa dei tribunali di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto è sempre stata una mia priorità. In continuità con questo mio impegno, ieri ho partecipato all’incontro tra il Ministro della Giustizia Cartabia e una delegazione dei parlamentari abruzzesi di tutte le forze politiche. Con i colleghi di Camera e Senato, abbiamo ribadito la necessità di una proroga nelle more di una revisione della geografia giudiziaria. Oggi si terrà a Roma, presso il Ministero della Giustizia, un incontro con gli ordini professionali che io stessa avevo richiesto a dicembre, in una forma più estesa di quello poi effettivamente concesso, ottenendo l’impegno del governo a organizzarlo prima del varo del Decreto milleproroghe.

Mi auguro che il Ministro Cartabia confermi la disponibilità a considerare concretamente le istanze dei territori già espressa a noi parlamentari nell’incontro di ieri. Augurandomi che si possa raggiungere nell’immediato l’obiettivo di una ulteriore proroga, credo la battaglia per i tribunali cosiddetti “minori” debba essere l’occasione per una più profonda ed ampia riflessione sul destino delle aree interne. A partire da Sulmona che, nello studio del prof. Aldo Ronci, con 2.285 abitanti in meno in sette anni, è diventata simbolo dello spopolamento dell’Abruzzo.

È giunto il momento di collegare tra loro le battaglie che da anni portiamo avanti per il territorio e che hanno caratterizzato il mio impegno parlamentare fino ad oggi. Un esempio è l’impegno che ho messo recentemente sul carcere di Sulmona che si collega alle battaglie per il tribunale e l’ospedale. Perché è impensabile avere sul territorio un carcere di massima sicurezza, che si avvia ad essere il più grande d’Europa, senza avere nelle immediate vicinanze una struttura sanitaria e un tribunale. D’altro canto, l’applicazione della riforma della geografia giudiziaria ha concretamente dimostrato che i tagli di spesa previsti non si sono verificati. Nell’erogazione di servizi ai cittadini occorre uscire da una logica aziendalistica che ha prodotto, come nel caso della sanità investita dalla pandemia, disastri sociali senza mantenere le promesse di una maggiore efficienza economica.

I fondi del PNRR, ottenuti dal presidente Conte in sede europea, che permetteranno la velocizzazione della ferrovia Pescara-Roma, a compimento di un altro mio personale impegno parlamentare, hanno dimostrato che i soldi a favore delle aree interne si possono trovare se si ha una visione politica innovativa. Il decreto milleproroghe ci offre la possibilità per mantenere aperti i tribunali territoriali abruzzesi e mi auguro che l’obiettivo venga raggiunto anche grazie all’emendamento della deputata del Movimento 5 Stelle Carmela Grippa basato su importanti argomentazioni tecniche che io stessa mi sono impegnata a produrre per l’area dell’Abruzzo interno. Sia questa l’occasione per rilanciare una battaglia integrale per evitare la desertificazione delle aree interne. È tempo che la Politica faccia un salto di qualità. Per quanto mi riguarda, continuerò ad essere al fianco di cittadini, professionisti e quanti sarebbero gravemente danneggiati da qualsiasi improvvida sottrazione di servizi ai territori.

Comunicato stampa Gabriella Di Girolamo



Leggi anche