Comune di Carsoli

Quando mónde Romano tè iu cappeglio vinni la crapa e fatte in mandeglio, quanno monde Romano mette le brache vinni in mandeglio e fatte le capre.

Triste iu cicu che va ‘ncorpo agliu rósso.
Chi non gnoca e non baratta a ‘ncaru malannu ‘ncappa.
Chi nasce caglina ‘nderra ruspa.

IU POJO

u Pojo è gliu paese più rasciusu
De tutti gli ari che cé stau vicinu.
Lavoranu la spósa co’ gliu spusu
E tengu tutti iu cereveglio finu.

Tandu iu riccu che gliu contadinu
Tengu tutti iu core ginirusu
Se ci sta iu foréstero virgugnusu
So’ sembre prundi a dagli pane e vinu.

A stu paese ce ne sta de grasce!
De ranu e raniturco ne fa tandu.
Quello che ce somenti ecco ce nasce.

Ce nasce e cresce tutto per incandu
Do’ cé dorme la pecora e cé pasce
Cé la fa cresce lo Spiritu Sandu.

Domenico Iannucci

Meglio lo séo carpi che quello ‘egli ari mète.

Maritu béglio pane e cortéglio, maritu bruttu pane e prìsuttu.

L’acqua ‘ella Rocca a nui non ce tòcca.

Vatte a fà la capanna a Sesera!

Bói e cavagli carecati a spalli, asini e mui carecati a cui.

Ha quandu ‘e gliu fosso ‘e gliu Varone.

Eh! che è lettera?

Non sa mancu mezza messa.

‘N’ ha fatte quande ‘e Tacchetta.

Vissu pure c’ha moccecatu agliu zinnu ‘ella mamma!

Latte e sangue!

Se non ‘ncii céi chi té ‘lla fattu fà!

Au datu fóco alla refota!

Chi va apprésso a caccia, a pesce, a penne, non dè mai laore da venne.

Se gliu bove non vò béé avoglia a ciufelà.

Non só pé gli asini i confetti.

S’ha fattu comme tre ore ‘é notte.

Chi schèrne ‘ncappa.

Pìu rusciu cane pezzatu ammazzaiu appena natu.

Iu piru quanno è fattu casca sóio.

Non ‘ndìra se non còglie.

Caccia la serpe có gliu vitu ‘e gli ari.

Tra la fauce e la sorrecchia la fame cé spellecchia.

Lo pòzzanu mena pure i frusci.

avezzano t2

t4

Dialetto e proverbi
Dialetto e proverbi

avezzano t4

t5