Danni al Cimitero di Corcumello, la lettera al sindaco



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello. Rosaria Villa, a capo del Comitato dei Piani Palentini, ha scritto una lettera al sindaco di Capistrello per avere un intervento al cimitero di Corcumello, la piccola frazione di Capistrello.

Eccola:

Gentilissimo Sindaco,

Le scrivo, a titolo personale e come rappresentante del Comitato Piani Palentini, avendo subìto, come tanti dei miei concittadini, danni alle tombe dei propri cari sepolti nel Cimitero di Corcumello.

Alcuni di questi danni sono stati pesanti, essendosi concretizzati in furti di vasi in rame divelti dalle lastre di marmo (spesso danneggiate al punto di dover essere sostituite), altri invece sono stati danni ‘apparentemente’ più lievi, concretizzatisi in furti di vasi di fiori e piante. Danni solo ‘apparentemente’ più lievi perché è frustrante e avvilente pensare di non poter portare neanche un fiore sulla tomba dei propri cari. Corcumello sicuramente è un borgo che ha tante difficoltà per i vivi; nutrivamo la speranza che, almeno da morti, i nostri cari, sulla collinetta di ‘Santi Pietri’, protetti dall’abbraccio delle montagne a corona dei Piani Palentini, potessero almeno lì godere della serenità della quiete e del rispetto.

Invece no!

Tralasciamo altre considerazioni sullo stato del Cimitero di Corcumello e che, a onor del vero, non pesano solo sulla attuale amministrazione, ma sono anche triste eredità del passato. Questa lettera non vuole essere né una occasione per sollevare polemiche né una critica, vuole essere solo un messaggio diretto a Voi e a chi ha la responsabilità della ‘Custodia’ del Cimitero; i cari sono ‘cari’ a tutti allo stesso modo e, come recitava un’altra bella poesia di Totò, se la morte è ‘na livella’ almeno al Cimitero gli uomini dovrebbero essere tutti uguali. Grazie per l’attenzione e per tutto quello che farete, direttamente come Amministrazione e indirettamente attraverso i gestori del Cimitero, per arginare questi fenomeni.

Rosaria Villa




Lascia un commento