Liberi dal Politicamente Corretto approda ad Avezzano con il primo evento in Abruzzo dell’Istituto Liberale: per la libertà di pensiero ed espressione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Avezzano –  Oggi giovedì 28 Novembre, alle 18.00, nella sala comunale Franco De Nicola, si terrà l’incontro dibattito dal titolo “Liberi dal Politicamente Corretto” che si si occuperà di un argomento oggi tremendamente attuale e che mina enormemente la libertà di pensiero, quale è il politicamente corretto. L’evento vedrà la prtecipazione di Francesco Giubilei, di ritorno da una serie di convegni negli USA e nei balcani, presidente della Fondazione Tatarella e del movimento di idee Nazione Futura, oltre che ormai ospite in tantissime trasmissioni televisive, insieme a Eugenio Capozzi, professore ordinario di Storia contemporanea presso la facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa, oltre che membro del comitato scientifico della rivista «Ventunesimo Secolo» e della redazione di «Ricerche di storia politica», oltre a Vanessa Combattelli, consigliere comunale del comune di Popoli, oltre che fondatrice di Giovani A Destra e Radici Italia e infine il nostro conterraneo Nello Simonelli che  dichiara la sua grande gioia nell’annunciare il primo evento dell’ Istituto Liberale “Benedetto Croce”, sottolineando  di essere sono enormemente contento di portare questo ennesimo panel ad Avezzano e nella Marsica, e come marsicano che ha a cuore la sua terra, si augura che la città diventi negli anni a venire un fiorente centro di cultura e dibattito.
“Il finale della Carmen riscritto. Una petizione per rimuovere dal Metropolitan di New York un quadro di Balthus contestato per presunta pedofilia. Ovidio bandito dalle università americane perchè offensivo e violento. Sembra non esserci modo di sfuggire alle censure imposte dal politicamente corretto, che si sforza di riscrivere la storia e la lingua, rimuovendo ogni potenziale fonte di discriminazione e producendo rocamboleschi eufemismi”.