t1

Comune di Avezzano

t2

crìa
Crillìtte
cristiàne
crìti
crombate
crupìtte
cucchiàra
cuccìtte
cucumà’
cuggìne
cùie
cùjie
cumincérne
cùndi
cunélle
cunìji
cunùsci
cunzìje
cunzijiéri
cùpe
cuppìne
Curiàne
cùrme
currènne
cuscénzia
cuscì o accuscì
cusìji
cùsta
custióni
cuttùre
cuzzétte
dàcce
ddù’
ddùdece
debbelézza
decquà
décqueta
déjie
dellà
démece
dentèra
derìtta
dérne
derrupàte
désta
dicéme
dicétte
dìcene
dicéte
dispiaciarrìa
dìtte
divìndi
dolùri
dominiddìe
d’addó’ ‘nna
doppeprànze
dóppe
dórge
ducénte
dulurìtte
dumà’
dùppie
durrìa
duvarrìsti
ècche
ècchete
ècquela
èsce
escìtte
èvene
facerrìa
facòcchie
fàne o fànne
fascióli
fàtte
fàtteji
féchete
fèle
fenì’
fenìlla
fenìscene
fenìte
ferméme
ferràre
fertùna
fetà’
fetàte
fézza
fiàcche
fianchétte
ficéme
ficérne
ficéssere
ficéte
ficétemenne
ficétte o fìce
ficéva
ficévene
ficìvi
fìe
fijiastróli
fìji
fìjiema
fìjiete
Filùccia
finazióne
finènte
fionnà’
fionnàte
fionnéme
fionnétte
fiònne
fìquera
fità’
fiurìsce
focaràcci

fóche
fojiétti
fójie
fòre
fornacèlla
frabbicà’
fraggéjie
Francùcce
fràsca
fràsche
fratéjie
fràteme
frattóne
frecà’
frecàccia
fréca
frèva
fridde
frielìcce
friquiata
frìsche
frivicciòla
fròce
frustavì’
fujìtte
fùnne
furastièra
fùria
furnàre
fùrne
furùne furùne

fùsse
Gaetanùcce
garrupàte
gennàre
gestìzia
ggivintù
ghénga o chénga


 
un pò’
nomignolo attribuito ai Di Renzo
cristiano, uomo dabbene, buonuomo
credi
comprato
coprì
cucchiaio
goccetto
bruciare lentamente sotto la cenere
cugino
sedere, deretano
capricci
cominciarono
conti
coniglie
conigli
conosci
consiglio
consiglieri
involucro cilindrico, di ru-stica fattezza, per attirare le api
mestolo, normalmente di al-luminio,usato per le minestre
Goriano
colmo
correndo
coscienza
così
consigli
costa
questioni, problemi
caldaio di rame, di media di-mensione, per cuocere cibi
pettinatura con capelli corti sulla nuca
dagli
due
dodici
debolezza
da questa parte
da queste parti
del
da quella parte
diamogli
dentatura
diritta
dettero
caduto in un dirupo
in giro
diciamo
disse
dicono
dite
dispiacerebbe
detto
diventi
dolori
domine Iddio
da dove ne
dopopranzo, pomeriggio
dopo
dolce, silenzioso
duecento
dolorino
domare
doppio
dovrei
dovresti
ecco, qui
eccoti
eccola
ricava, estrae
uscì
avevano, erano
farei
fabbicante di ruote per carri agricoli
fanno
fagioli
fatto, creato, un accaduto
fatteli.
fegato
fiele
finire
finirla
finiscono
terminato, finito
fermiamo
fabbro ferraio
fortuna
fare l’uovo
fatto l’uovo
ciocca di capelli
debole
anche, fianchi
facciamo.
fecero
farebbero
fate
fatemene
fece
faceva
facevano
facevi
filo, spina dorsale
figli illegittimi
figli
mia figlia
tuo figlio
Filomenuccia
fine
fino a
gettare
gettato
gettiamo
gettò
getto
fichi
fidarsi
fiorisce
fuochi caratteristici della sera del 26 aprile, vigilia della festa della madonna di Pietracquaria
fuoco
foglietti
foglio
fuori
attrezzo di cucina ove si accendeva il fuoco con i carboni
fabbricare, edificare, costruire
flagello
Francuccio
rivendita occasionale di vino locale
ramoscello fronzuto
fratello
mio fratello
grossa siepe
rubare, imbrogliare
abbastanza, in abbondanza
molto, abbondante
febbre
freddo
febbriciattola,brividi, indisposizione.
fregata
fresco
febbriciattola di poco conto.
narici, froge
verso usato per scacciare il gatto
folletto, mulinello, diavoletto, persona vivacissima
fondo
forestiera
attesa spasmodica
fornaio
forno
sgaiattolare, allontanarsi alla chetichella (come usa fare il ladro = fur in latino)
fosse
Gaetanuccio
caduto in un dirupo
gennaio
giustizia
gioventù
teppaglia, insieme di individui poco raccomandabili (dall’inglese gang = masnada, banda) 

Giovanbattista Pitoni 

avezzano t2

t4

crìa - chénga

t3

avezzano t4

t5