sabato, 17 , Aprile
spot_img

Prima pagina

Movimento delle periferie di Avezzano, eletto Francesco Basile coordinatore del movimento

Avezzano -IL 24 settembre si è tenuta la conferenza delle frazioni e delle periferie di Avezzano. Alla presenza di numerosi partecipanti, circa 120 persone, rappresentanti delle seguenti periferie e frazioni, quali:

Periferie

  • Via San Francesco
  • Via Napoli
  • Via nuova
  • Pucetta
  • Via dei Frati
  • Borgo Pineta
  • Caruscino
  • San Rocco

frazioni

  • Cese
  • San Pelino
  • Pietragrossa
  • Antrosano
  • Borgo Incile
  • Castelnuovo

Dopo una lunga discussione, sono stati eletti i rappresentanti delle frazioni; Cese, San Pelino, Borgo Incile, ed i rappresentanti delle periferie; Via San Francesco, Caruscino, Via dei Frati.

Alla unanimità dei presenti è stato eletto Francesco Basile, in qualità di coordinatore del movimento.

Nelle sue parole possiamo stralciare alcuni sui punti:

La contrapposizione centro – periferia – frazioni caratterizza da sempre la lettura della città moderna, associando, quasi sempre, alle periferie un‘accezione negativa: aree deboli, con problemi di carattere economico, sociale, di struttura urbana ed edilizia, di mobilità, di qualità della vita.
Di contro, il centro si presenta come parte vitale della città, sede degli affari e dei servizi, luogo culturale, espressione dei valori storici e dell’identità della comunità. Negli ultimi anni, il problema delle periferie urbane è tornato ad imporsi nel dibattito politico e disciplinare, nel tentativo di rispondere al disagio che caratterizza tali aree.
Agli scenari più pessimistici che derivano dalla consapevolezza del degrado urbano e delle questioni sociali connesse all’espansione delle periferie, si contrappongono oggi analisi che vedono nelle periferie il laboratorio della città del futuro.
La chiave per il rilancio delle aree periferiche risiede proprio nel superamento della contrapposizione centro – periferia: riuscendo a portare la città nei quartieri di edilizia popolare, le periferie possono diventare il fulcro della città di domani.
Tale cambiamento di rotta, dipende da alcuni fenomeni sociali di lungo periodo. Le grandi città occidentali sono entrate nella cosiddetta fase della de-urbanizzazione. La città industriale appartiene al passato, le sue attività tradizionali hanno lasciato spazio ai servizi o si sono spostate in zone più esterne e accessibili; la popolazione si riduce; il livello economico è cresciuto e con esso l’esigenza di una qualità migliore della vita
”.

- Advertisement -

Promo Box



segnalate

TERRE MARSICANE VIDEO