Comitato VIA Abruzzo dichiara inammissibile la richiesta di costruire 13 villette nel Parco Sirente Velino



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – Alla fine è arrivata la bocciatura, da parte del Comitato di Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Abruzzo, alla richiesta, avanzata da una società di costruzioni, di edificare 13 nuove villette in un’area rientrante nel Parco regionale Sirente-Velino. Sono state pienamente accolte le osservazioni presentate dalla Stazione Ornitologica Abruzzese.

Nella seduta che si è tenuta nella giornata di ieri, infatti, è stata dichiarata inammissibile la possibilità di concedere un nuovo parere VIA (progetto già bocciato da due sentenze del Consiglio di Stato, confermate dal TAR). L’intento dei costruttori era quello di poter procedere all’edificazione di 13 villette in località Prato della Madonna nel comune di Rocca di Mezzo, nel Parco regionale Sirente-Velino.

Comunicano dalla SOA: “La nuova istanza era arrivata sfruttando una norma del famigerato decreto Semplificazioni del 2020 che introduce una procedura semplificata per ‘recuperare’ progetti bocciati dai giudici per questioni attinenti le procedure di Valutazione di Impatto Ambientale (che è cosa diversa dalla procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale che riguarda piani e progetti attinenti i siti Natura2000 protetti dalla UE)”.

Il Comitato VIA ha così decretato: l’istanza in oggetto deve essere ritenuta inammissibile in quanto l’invocata procedura, prevista dall’art. 21 decies L. 241/90, è chiaramente applicabile esclusivamente alle procedure di V.I.A., mentre il Giudizio CCR VIA n. 2391/14 di cui si chiede la riforma in autotutela riguarda, al contrario, una procedura di V.Inc.A.“.

LEGGI ANCHE

Parco Sirente-Velino, si vogliono edificare 13 villette. Soa: “area di valore naturalistico, stop cemento”