Come è cambiato il gioco digitale: il case study del poker digitale



Dopo un periodo molto lungo in cui il poker in Italia ha avuto un enorme successo mediatico, in termini di popolarità e di numero di nuovi giocatori, il 2019 ha segnato una flessione evidente e significativa, per quanto riguarda i dati in termini di bilancio operativo. A che cosa sono dovute le cause di questo trend negativo e come l’industria del gambling 2.0 sta pensando di uscire da questa crisi?  Anche nella Marsica questo tipo di gioco è molto diffuso ad esempio l’abruzzese Speranza è tra i migliori giocatori italiani di poker.

La diffusione del gioco del poker grazie ai siti di gioco e alle poker room

Prima di tutto bisogna fare una considerazione di sorta obbligatoria: le mode, le tendenze come appunto la pokermania, interessano un numero di utenti e di aspiranti giocatori, che non rappresenta esclusivamente gli appassionati di gioco, ma che è capace di attirare, periodicamente anche quel tipo di persona semplicemente curiosa, che vuole tentare la sorte in un gioco, piuttosto che in un altro, come semplice attività di svago al fine ricreativo. Da questo discorso bisogna quindi escludere i veri appassionati e tutti quegli utenti che sistematicamente sono alla caccia di una nuova offerta per tentare la sorte nelle molte varianti del poker online in Italia. 

La funzionalità del poker online nel 2019

Un altro aspetto che bisogna valutare e analizzare, interessa invece la fruizione del gioco, ovvero il mezzo attraverso cui lo si pratica. Secondo una stima interna, pubblicata nel corso del 2019, il gioco online viene praticato dal 67% degli utenti attivi, attraverso l’utilizzo di smartphone, telefonini evoluti e tablet. Questo vuol dire che quasi 7 giocatori su 10 prediligono questo tipo di tecnologia per tentare la fortuna e per giocare online. Un fatto che non va certo trascurato è il tempo che si trascorre giocando, in una specialità come il Texas Hold’Em, la Telesina e ancora di più la variante maggiormente ricercata dagli appassionati di poker, cioè l’Omaha Hi, non a caso ritenuto da molti come il poker degli intenditori. Una partita di poker classico, così come una con le varianti più conosciute, dura mediamente 2-3 ore, con picchi ancora più alti, anche se naturalmente giocando solo qualche mano, si possono trascorrere anche 15-20 minuti. Restano comunque tempi lunghi, rispetto a quelli di altri giochi come ad esempio la roulette, o per restare sul tema dei giochi di carte, il blackjack o il baccarat. Le intenzioni sono quindi quelle di puntare oggi, attraverso gli utenti che accedono da smartphone e da dispositivi mobili, su giochi veloci e semplici come ad esempio le slot online, la roulette e simili. Tuttavia resta da dire che ci sono giocatori e utenti a cui interessa praticare il poker online come allenamento, banco di prova o metodo per accedere ai tornei live di alto livello, che sovente vengono organizzati attraverso i canali ufficiali e le cui fase di pre-selezione avvengono proprio attraverso il circuito mediatico del gioco online

Hand holding card playing online gambling
Hand holding card playing online gambling

La differenziazione per il gioco del poker online oggi

E’ importante fare un discorso di differenziazione quindi, ma se andiamo a vedere le cifre che riguardano il circuito delle poker room, possiamo scoprire come tra gli utenti abituali, non vi siano state grandi differenze, nel corso di questi ultimi 4-5 anni. E’ fondamentale capire che da una parte ci sono le cifre statistiche che riguardano gli appassionati di gioco del poker, mentre dall’altro è legittimo da parte degli addetti ai lavori, puntare su altri giochi e attrattive per il grande pubblico. Prendiamo ad esempio il caso del gioco dell’Omaha Hi, dove le strategie possono fare davvero la differenza, sia al tavolo live, sia quando il banco di prova è il gioco digitale. Per quanto riguarda l’Omaha poker strategia è importante tenere a mente le fasi di gioco, che qui iniziano con small blind e big blind, che vanno ad aprire al primo giro di puntate e al gioco vero e proprio, che pur avendo delle fasi molto simili al Texas Holdem, si differenzia per il fatto che qui ogni giocatore avrà a disposizione quattro carte invece di due, di cui due devono essere obbligatoriamente utilizzate per completare una giocata con le tre carte in comune. Un meccanismo che per chi non conosce bene le regole del Texas Holdem potrebbe apparire confusionario, ma che in realtà sono alla base stessa della strategia per trionfare in questo gioco per veri appassionati di poker, nella sua variante più spettacolare.