Chiusi gli sportelli per la caccia nella Marsica e in provincia, protestano i cacciatori



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “La Regione Abruzzo nel nome del riformismo (soppressione delle Province) che in questi giorni è sulla bocca di tutti, per quanto riguarda la gestione faunistico-venatoria della Provincia di L’Aquila ci lascia interdetti”.

E’ quanto afferma in una nota il comitato provinciale dell’Arci Caccia. “Invece di risolvere i problemi legati al territorio rivedendo la gestione degli Ambiti Territoriali di caccia, che in questo momento sono spese inutili, senza alcun beneficio per la gestione del territorio, invece di nominare la commissione per l’abilitazione venatoria, in modo che molti certificati non scadano, quindi un aggravio di spese per le famiglie, la Regione Abruzzo che cosa fa? Nel giorno della preapertura della caccia (1 settembre) chiude gli sportelli di Sulmona, Avezzano e a L’Aquila sopprime l’ufficio, facendo rimanere solo lo sportello. Il cacciatore da Castel di Sangro o da Balsorano deve venire a L’Aquila”.

“L’ufficio caccia viene sciolto, perdendo le professionalità acquisite negli anni. Per che cosa? Vedremo! L’Arci-Caccia Provinciale di L’Aquila rivolge un appello al Presidente della Provincia, ai Consiglieri Provinciali, ai Consiglieri Regionali eletti nel territorio della Provincia, affinché vengano riaperti gli sportelli di Sulmona, Avezzano e l’ufficio di L’Aquila recuperando le professionalità precedenti, in modo da non ricominciare da zero”.




Lascia un commento