Cessione a privati del Centro fieristico di Avezzano. Paolucci: “la Regione sospenda le procedure”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – “La Regione sospenda le procedure di cessione a privati del Centro fieristico di Avezzano e senta prima il Comune e poi le associazioni di categoria per ripensare a una scelta che penalizza l’intero comprensorio marsicano e la sua economia”. Il capogruppo Pd Silvio Paolucci ha presentato una interpellanzaa fronte della deliberazione del Cda dell’Arap sulla cessione a privati del centro fieristico“.

Si sta procedendo senza sentire le istituzioni – aggiunge Paolucci – che sono direttamente interessate dalla cessione e tutti i portatori d’interesse”, lamenta Paolucci: “La Regione, tramite l’Arap sta procedendo, lavandosi le mani degli effetti di questa scelta che di fatto toglie al territorio un importante punto di riferimento per gli eventi fieristici e spazi dove coltivare progetti di sviluppo per il comparto economico.

Come al solito la maggioranza decide senza condividere con tutti i soggetti portatori d’interesse le conseguenze delle scelte, tagliando fuori interlocutori preziosi da una programmazione sensibile, perché riguarda la ripresa e il potenziale economico del principale centro della Marsica.

Il Centro ha una storia che non può essere cancellata da una delibera dell’Arap, alla luce anche del fatto che il Comune di Avezano aveva ceduto il 12,5 per cento delle sue quote societarie per favorire l’Agenzia, che però non lo ha interpellato per la cessione degli spazi.

Luoghi dove sono state organizzate dal Comune di Avezzano, con la collaborazione di molte Associazioni di categoria, alcune Fiere campionarie per la promozione dei prodotti e delle imprese marsicane che non avranno più luogo se il Comune non avrà più a disposizione quegli spazi, visto che ci sono anche privati interessati a concludere la cessione, a cui l’Arap ha stimato un prezzo di 2.180.000 euro.

Prima di procedere la Regione sospenda le procedure e condivida con l’Amministrazione comunale e le associazioni di categoria una via diversa dalla svendita, perché l’immobile continui ad esercitare una funzione strategica per Avezzano e tutta l’economia della Marsica. Andremo avanti finché non avremo chiarimenti sulle intenzioni della Lega e dei Fratelli d’Italia sulla vicenda, pronti a fare una risoluzione urgente per avere notizie” conclude il Capogruppo del Pd.

Fonte: Consiglio Regionale dell'Abruzzo