Celano, riflessioni politiche della Consigliera Antonella De Santis



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano – Dopo la decisione del Tribunale del Riesame che ha annullato le misure restrittive a carico del Sindaco Settimio Santilli e il Vice Sindaco Filippo Piccone di Celano è intervenuta la Dott.ssa Antonella De Santis, Consigliere del Comune celanese.

La sintesi della narrazione apparirebbe di una semplicità unica, un déjà-vu tutto italiano: denunce di condotta illegale da parte dell’opposizione, per una fetta della maggioranza inchiesta e processo mediatico ancor prima che nei tribunali, una lunga e rassegnata attesa dell’epilogo per tutti. Un breve e generico preambolo che è anche la chiave più semplice per aprire una riflessione sui recenti fatti di cronaca giudiziaria celanese.
Gli imputati sono lì, soli, inconfondibili. Hanno governato per molti anni, in continuità, e adesso il giudizio del loro operato è nelle mani della magistratura. Una situazione che turba non poco il presente e il futuro della città
” dichiara il Consigliere.

Chi scrive fa parte di quella maggioranza da pochi mesi, dall’ultima piena riconferma elettorale e, manifestando la personale vicinanza nonché il dispiacere per il gravoso periodo che affrontano gli indagati, confidando allo stesso tempo nella magistratura, spera possano difendersi in ogni modo dalla valanga di accuse. D’altronde, fossero quest’ultime oro colato, avranno meritato una condanna esemplare. Eppure, a considerare la percezione dei fatti, ad osservarla bene, non sembrerebbe poi così liscia e scontata. Meglio ancora essa appare insolita e a dir poco incuriosisce. Che stranezza è mai quella di un popolo che non riesce ad odiare gli accusati così come non riesce ad amare gli accusatori? Un osservatore medio della politica, che spigolasse per le strade e le piazze della cittadina, percepirebbe appieno questa discordanza di sentimenti, stentando poi ad immaginare così vicini il banco dei cattivi e quello dei buoni. Un rebus! Per coloro che hanno subito la scure potremmo immaginare la pietas umana che lenisce alla fine ogni sospetto e disprezzo, ma per i tribuni dell’onestà intellettuale, da anni ferrei controllori della condotta politica e morale di chi intanto governava, come mai il paese non mostra piena riconoscenza? Insomma, qual è il movente che non li abilita alla gratitudine e al plauso generale della propria gente? Non c’è stanza più oscura di quella della verità, ma è pur vero che, cercando bene e stando attenti a non inciampare, lì dentro tutto si trova, per chiunque. E lì troveremo magari, poggiata da qualche parte, la differenza tra il giudicare l’operato altrui, anche duramente, che è un dovere politico sacrosanto e l’anteporre la scorciatoia della mannaia alle idee e al consenso popolare, atteggiamento quest’ultimo che fa parte in fondo dell’ordinaria strategia del male”.

Vorrei essere diretta con gli accusatori politici” prosegue De Santis “il paese da voi descritto come inerte, schiavizzato, straziato dal tiranno, magari è anche il paese che ha già scontato la condanna ventennale di non aver mai sentito dalla vostra bocca una linea politica senza la tara delle offese, senza bava, ossia civile. Che colpa volete dargli? La descrizione del vostro popolo replicata mille volte non è certo meno offensiva del paragone attribuito al vostro miglior nemico! Possibile che la sconfitta debba essere sempre colpa di qualcun’altro? Forse non hanno teso bene le orecchie, forse le idee e i progetti non arrivavano chiari perché foderati dalle vostre urla, dalla rabbia, da quell’eterno crucifige che è la vostra disinvoltura lessicale? La mia vuole essere solo un’analisi politica. E politica non può essere certamente quella venuta a galla se venisse autenticata tale dalla magistratura, come non può esserlo però quella che nutrendosi solo di collera e dileggio va in cerca di qualcuno da giustiziare  per poter entrare, chissà, nel cuore del palazzo e della gente. Liquidare con qualsiasi mezzo gli avversari politici è vecchio quanto il mondo, ma non è certo il passaporto per essere amati dal popolo e nemmeno lo scatto automatico per poterlo amministrare. La sostanza del discorso é che l’affermazione  per via giudiziaria rimane solo una pretesa di potere. Ed ecco che i pensieri della gente vagano infelici in quella fitta nebbia che disorienta e schiera.  E nella nebbia, svanendo la nettezza del bianco e del nero, rimane il gioco dei grigi che regala a chi ha aperto il pentolone un deludente profumo di vittoria e fa spuntare qualche fiore sulla gogna degli accusati. Fossero specchio della realtà tutte le accuse fatte, fosse il linciaggio e non l’ideologia l’unico mezzo politico della bramosia di potere, il paese che ora guardo dalla finestra in questa notte di pioggia, il mio paese, avrebbe tutta la mia compassione, perché sarebbe veramente il paradiso dei peggiori”.

E conclude: “Bisognerà aspettare il domani, e il domani è domani per tutti!”



Redazione Contenuti

Ad Avezzano torna la favola invernale di “Magie Di Natale”, eventi, mercatino natalizio, pista di pattinaggio e molte altro per il natale marsicano

Avezzano – Le vetrine dei negozi sono già addobbate a festa, i piazzali dei centri commerciali illuminati da migliaia di decori scintillanti.  Ad arricchire l’atmosfera dell’evento che più di ogni altro ha il sapore delle festività, dopo il forzato stop dovuto alla pandemia, torna MAGIE DI NATALE, l’atteso appuntamento del 2021. Organizzato dal Comune di