Carsoli, senso civico e rispetto per l’ambiente sotto l’albero



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – Rafforzare la consapevolezza che quanto si scarta in realtà può tornare alla terra, come ricchezza fertile, e da lì a tutti, in un ciclo virtuoso che preserva l’ambiente e dunque il benessere generale. É l’obiettivo che si pongono in sinergia l’Aciam, il Comune di Carsoli e la Comunità terapeutica-riabilitativa “Passaggi”, con il progetto a tema “I tuoi scarti sono cibo per la Terra”, iniziativa in programma per sabato 23 dicembre, dalle 10 alle 12, nell’ambito della fiera natalizia di Santa Vittoria – lo stand sarà in piazza della Libertà – nella zona del mercato di Carsoli.

L’Aciam, guidata dalla presidente Lorenza Panei, è leader in Abruzzo nella produzione di compost biologico di altissima qualità, prodotto nell’impianto di Aielli, ed è l’unico nella regione, insieme al compost del Consorzio CIVETA, a potersi fregiare del Marchio di Qualità “Compost Abruzzo”.
Un primato che rispecchia l’attenzione prioritaria dell’Azienda ai temi dell’ambiente e che, di concerto con l’Amministrazione della sindaca Velia Nazzarro e attraverso l’impegno degli ospiti della comunità terapeutica “Passaggi”, i cittadini potranno sperimentare in prima persona. Gli ospiti della Comunità, infatti, si sono impegnati nella realizzazione delle confezioni di compost, prezioso fertilizzante nella coltivazione di ortaggi, piante da frutta, aromatiche e ornamentali, che saranno distribuite gratuitamente ai visitatori della Fiera.

Un progetto di sensibilizzazione alla raccolta differenziata  e un invito alla riflessione: sotto l’albero, con l’impegno degli ospiti della Comunità, dell’Azienda e dell’Amministrazione, un regalo che sarà un “piccolo grande promemoria” che “niente, e nessuno, è un’isola”, e che un ciclo di sostenibilità, di qualità e sicurezza del  prodotto finale non solo è necessario, ma oggi, grazie all’impegno di professionisti, istituzioni e cittadini, è anche possibile.




Lascia un commento