Caporalato e sfruttamento del lavoro in agricoltura, sottoscritto protocollo d’intesa al Viminale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il 14 luglio, alle ore 12.00, al Viminale, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, il ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli, e il Presidente del Consiglio Nazionale di Anci, Enzo Bianco, hanno firmato il Protocollo d’intesa per la prevenzione e il contrasto dello sfruttamento lavorativo in agricoltura e del caporalato.

Il documento, elaborato congiuntamente dalle Amministrazioni interessate, intende favorire un rapido avanzamento, con particolare riferimento alle iniziative da adottarsi in sede locale, dell’attuazione delle misure previste dal “Piano triennale di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura” (2020-2022), o delle ulteriori progettualità individuate a livello territoriale.

L’accordo prevede, tra l’altro, l’istituzione, presso il Ministero dell’Interno, di una Consulta, composta da rappresentanti di ciascuna delle Parti firmatarie, a cui saranno chiamati a partecipare soggetti pubblici o privati o individui di comprovata esperienza nel settore, determinati, in sede di prima applicazione, nell’Osservatorio Agromafie e nell’Osservatorio Placido Rizzotto che, pertanto, sottoscriveranno lo strumento pattizio per adesione, rispettivamente nelle persone del Presidente della Coldiretti e del Consiglio Direttivo dell’Osservatorio Agromafie Ettore Prandini e del Segretario Generale Flai-Cgil Giovanni Mininni.

Fonte: Ministero dell'Interno