Canadair ed elicotteri per spegnere l’incendio ai confini del Parco Abruzzo, aggredito anche il bosco di conifere di Forca d’Acero


Prosegue ormai da oltre 5 giorni il vasto incendio che sta divorando vegetazione e ambienti naturali in Val di Comino, tra i Comuni di Alvito e San Donato Val Comino, in piena Area Contigua del Parco.  Le fiamme, la cui origine è quasi certamente di natura dolosa, sono divampate nei pressi di un’area rurale di Alvito (località Fontanelle). 

Nonostante gli sforzi messi in campo dalla Protezione Civile della Regione Lazio e dai Vigili del Fuoco, supportati dal personale dei Comuni interessati, da volontari e dai Guardiaparco e Carabinieri Forestali del PNALM, l’incendio si è propagato verso le pendici sotto la Serra del Re, non molto distante dai confini del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, superando per ben due volte la SR 509 di Forca d’Acero, dove hanno aggredito il bosco di conifere.

Alimentata da condizioni particolarmente critiche – come le alte temperature, la bassa umidità e il vento che nelle ore più calde risale i pendii montuosi – le fiamme hanno divorato ettari di vegetazione arborea, rendendo impossibile ogni intervento da terra a causa della vegetazione fitta e delle fiamme a livello delle chiome degli alberi. Incessante il lavoro dei mezzi aerei, che nella solo giornata di ieri hanno visto l’intervento di 3 canadair e 2 elicotteri regionali, ripreso alle prime ore di stamattina quando a fronteggiare l’incendio, soprattutto per evitare che possa interessare le aree di crinale del Parco Nazionale, sono intervenute anche squadre della Protezione Civile della Regione Abruzzo, unitamente a Guardiaparco e Carabinieri Forestali del PNALM, per un totale di circa 25 unità.

Ovviamente c’è massima allerta in tutto il territorio per prevenire ulteriori episodi analoghi e per questo si raccomanda di evitare di accendere ogni e qualunque tipologia di fuoco al di fuori delle aree attrezzate e appositamente munite di sistemi per l’estinzione immediata. Per fare una stima dei danni e della superficie percorsa si aspetta di chiudere l’evento e tirare le somme di un’altra tragica storia di boschi bruciati e ambiente distrutto a causa dell’uomo.

Comunicato Stampa Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise


Invito alla lettura

Ultim'ora

Un meraviglioso Teatro Rurale realizzato con rotoballe di fieno: oggi l’inaugurazione dell’innovativa location

Ovindoli – Verrà inaugurato oggi, alle 16.30, il meraviglioso Teatro Rurale (zona Pinetina) realizzato con rotoballe di fieno e che riporta il pensiero a chi la terra la ama e ...


L’Umanesimo antropologico di Romolo Liberale: riflessioni della scrittrice Maria Assunta Oddi

Presso il cuore storico di Luco dei Marsi, organizzato dall’associazione culturale “Presenza”, è stata presentata, nella giornata memorabile di San Lorenzo, L’opera corale titolata “Testimonianze ...

La necessità di una efficace bonifica integrale in tutta la Marsica (maggio 1929)

Nei mesi successivi al Plebiscito, che per la maggior parte degli italiani rappresentò sicuramente una vittoria, il regime fascista entrava in una nuova fase: «era ...

Enrico Ruggeri in concerto a Meta

ENRICO RUGGERI è in tour in tutta Italia con “La rivoluzione – il tour”, concerti che seguono la pubblicazione del nuovo album “La Rivoluzione” (Anyway Music). ...

Rischio incendi l’appello del WWF per un ferragosto responsabile: “necessaria la collaborazione di tutti per preservare il patrimonio boschivo regionale”

Oltre il 97% degli incendi in Europa è riconducibile all’attività umana: negligenza, imprudenza, inesperienza e disattenzione causano spesso roghi senza che ci sia la volontà ...