Bisegna, la Prefettura riconteggia le schede elettorali e assegna un ulteriore voto al sindaco Antonio Mercuri



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Bisegna. Sono state riconteggiate in Prefettura, alla presenza degli avvocati delle parti e di alcuni amministratori comunali, le schede elettorali “contestate” a Bisegna, che di fatto hanno decretato la vittoria del primo cittadino Antonio Mercuri (nella foto).

A stabilire il riconteggio è stato il Tar dell’Aquila, con sentenza numero 70 del 2017, che ha accolto il ricorso elettorale presentato dalla lista “Noi e Voi per Bisegna”, con a capo il candidato sindaco Amedeo Di Lorenzo.

I fatti contestati si riferiscono alle elezioni del 6 giugno del 2016. Amedeo Di Lorenzo era il sindaco uscente mentre Antonio Mercuri era a capo della lista “Fiore di genziana”.

All’epoca in paese ci fu molto “vociferare” sul fatto che c’erano stati dei voti e delle schede “contestate”. Le ipotetiche “irregolarità” denunciate riguardavano in particolare quattro schede.

La lista “Noi e Voi per Bisegna” aveva presentato un ricorso al Tar tramite l’avvocato Graziella Rubeo e il Tar aveva così disposto l’accoglimento del ricorso che prevede il riconteggio delle schede.

Ora le schede sono state riconteggiate e c’è stato un “piccolo colpo di scena”.

Due schede, infatti, che provenivano dalla seconda sezione di Bisegna, che erano state all’epoca annullate, sono state riammesse e sono state assegnate a Mercuri.

E quindi la vittoria sull’altra lista, ora, non è più di 95 su 93 ma di 96 su 93.

Ora la Prefettura dovrà redigere un verbale e trasmetterlo al Tar. Il 24 maggio del 2017 si avrà la sentenza definitiva.

Il sindaco Mercuri ha nominato come suo legale, l’avvocato Daniele Di Bartolo.

 

Elezioni al Comune di Bisegna, il Tar ha deciso per il riconteggio delle schede elettorali




Lascia un commento