Commissari del Centro Destra si riuniscono in vista delle prossime elezioni di Avezzano, “siamo pronti a governare la città per i prossimi dieci anni, sì al civismo, ma di centrodestra”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – A seguito della riunione che si è tenuta ieri tra i commissari prefettizi del centrodestra Roberto Alfatti Appetiti (Fratelli d’Italia), Roberto Laurenzi (Lega) e Aureliano Giffi (Forza Italia), è stato diramato un comunicato stampa in cui viene sintetizzato il pensiero guida su come queste forze vogliono approcciare alla governance della Città di Avezzano.

Così si legge nella nota stampa:

“Il centrodestra ad Avezzano è unito, in ottima salute e determinato a governare la città per i prossimi dieci anni. Riconciliare i cittadini con la politica, ascoltarli, risolvere le tante emergenze che affliggono la nostra comunità, rilanciare la presenza e il ruolo di Avezzano in Abruzzo e operare a tal fine in strettissimo collegamento con i nostri rappresentanti in Regione e in Parlamento, sono queste le nostre priorità”.

Il sindaco che andremo a individuare dovrà farsi interprete di un programma ambizioso, concreto e soprattutto condiviso tra le forze politiche, le categorie rappresentative, i comitati di quartiere, le associazioni e chiunque voglia offrire un contributo, perché la politica non può esaurire il suo compitino solo nelle settimane immediatamente antecedenti alle elezioni o delegare ad aggregazioni legittime ma estemporanee. Vogliamo favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni che riguardano l’amministrazione e questo varrà anche dopo le elezioni.

Confermiamo la disponibilità a confrontarci anche con componenti civiche, ma solo se dichiaratamente di centrodestra e pronti a sottoscrivere un patto di mandato che impegnerà tutti a mantenere  gli impegni che assumeremo nel programma. La nostra parola d’ordine è rinnovamento, il che non significa rinunciare a valorizzare esperienze e competenze, ma segnare un indispensabile cambio di passo, di metodo e di mentalità rispetto al passato: meno personalismi e maggiore gioco di squadra, in un clima di pacificazione, di collaborazione e non di scontro, neanche con chi andrà a fare opposizione, facendo tesoro di quanto di buono è stato fatto negli ultimi anni ma anche e soprattutto guardando alle tante sfide che ci aspettano.

Avezzano ha bisogno di una classe politica che affronti e possibilmente risolva sia le emergenze (crisi del commercio e sicurezza, in primis) che i tanti problemi rimasti sul tappeto, senza rinunciare al suo ruolo di riferimento per tutti i comuni della Marsica”.