Auto blu Di Pangrazio, accolta istanza di ricusazione del giudice Ilari



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Provincia – La Corte d’Appello dell’Aquila ha accolto la dichiarazione di ricusazione formulata, attraverso i propri difensori, da Giovanni Di Pangrazio, Paola Contestabile e Maria Pia Zazzara nei confronti della dottoressa Alessandra Ilari, Presidente di Sezione del Tribunale dell’Aquila, per le dichiarazioni rese nel corso del processo sull’uso improprio delle auto blu.

Secondo i legali dei tre, la Ilari, durante l’udienza dello scorso 24 settembre, aveva “assunto atteggiamenti e pronunciato espressioni tali da manifestare indebitamente il proprio convincimento sui fatti oggetto dell’imputazione”.

La vicenda per la quale Di Pangrazio, Contestabile e Zazzara risultano imputati risale al 2014. A Di Pangrazio viene contestato l’utilizzo per fini personali delle auto della Provincia di cui era dirigente. Anche gli autisti, secondo l’accusa, ne avevano totale uso.

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Roberto Verdecchia, Antonio Milo, Claudo Verini e Alessandro Benedetti.