Arrestati in flagranza di reato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Nella mattinata del 17 dicembre 2018, i militari della Stazione Carabinieri di Trasacco, in stretta  collaborazione con le unità K9 del Nucleo Cinofili di Chieti, coordinati dal Capitano Pietro Fiano, hanno tratto in arresto due giovani magrebini per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
Le accurate indagini svolte, coordinate in prima linea dal Sostituto Procuratore della Repubblica dott.ssa Lara Seccacini, hanno consentito di raccogliere gravi ed inconfutabili elementi di reità a carico di due cugini di nazionalità marocchina O.T, di anni 31 e I.T., di anni 29, tali da consentire l’emissione nei loro confronti di misure  restrittive.
Nel corso dell’operazione di polizia finalizzata alla loro cattura in un appartamento di Avezzano, entrambi gli  arrestati rendevano difficoltoso l’ingresso ai militari per tentare di disfarsi buttandole nel w.c. n.99 dosi di  sostanza stupefacente del tipo “cocaina” per un peso complessivo di gr.125, che, tuttavia, venivano recuperate dai militari nell’impianto fognario.
Nel corso della perquisizione domiciliare, inoltre, venivano sequestrati bilancini di precisione e materiale idoneo al confezionamento.
I due cittadini marocchini, quindi, venivano dichiarati in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e sono stati tradotti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la Casa Circondariale di Avezzano.

Arrestati in flagranza di reato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio