Aleandro Antidormi

LA VITA

Aleandro nasce a Collarmele, in provincia di L’Aquila, il l2 agosto l955, da una famiglia numerosa (è l’ultimo nato di tre figli), dedita all’agricoltura, allora principale risorsa economica del paese e della regione. La prematura e improvvisa scomparsa del padre quando ha ancora un anno influenzerà la sua giovinezza durante la quale, per far fronte alle esigenze della famiglia, intraprende, come gli altri uomini, la via dei campi. Riesce, nondimeno, a compiere gli studi conseguendo il titolo di ragioniere e trovando un’occupazione nella lontana Milano dove trascorre alcuni degli anni della sua gioventù.

Mal sopporta, tuttavia, la lontananza dal suo paese natale, dove é solito tornare per giocare a calcio e partecipare alle partite di campionato della squadra del Collarmele, riconosciuta ufficialmente in seguito alla nascita dell’Unione Sportiva (l977). Quest’evento sarà poi immortalato dal giovane in un componimento in versi dal titolo La squadr d ju Coll cui affida il compito di esprimere tutta la soddisfazione per una conquista che avvicina Collarmele ai paesi limitrofi.

La conclusione del suo soggiorno nel capoluogo lombardo coincide con la notizia della malattia che sarà, poi responsabile della sua morte. Risulta, infatti, affetto da una forma di leucemia per la quale viene assistito nel reparto di ematologia dell’ospedale di Pescara dove cessa di respirare il 3 agosto del l979, all’etá di 23anni.

Aleandro Antidormi (nipote)