Agricoltura e agroalimentare, quarto appuntamento con il ciclo di videoconferenze organizzate dall’Istituto Agrario “A. Serpieri”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Quarto appuntamento con il ciclo di videoconferenze dedicate all’agricoltura e all’agroalimentare organizzate dall’Istituto Tecnico e Professionale Agrario “A. Serpieri” di Avezzano, Pratola Peligna e Castel di Sangro.

Il sistema delle videoconferenze tenute da esperti – afferma la Dirigente scolastica Cristina Di Sabatino fornisce agli studenti e agli operatori del settore un confronto con l’innovazione e con l’attualità in agricoltura. Il positivo riscontro e la grande partecipazione di pubblico nei precedenti incontri, ci ha stimolati a calendarizzare questo nuovo interessante appuntamento che ha come tema la viticoltura, vista nella prospettiva della sostenibilità e con un approccio rigorosamente scientifico. In particolare, occorre considerare che il settore della viticoltura, con 36 mila ettari di superficie vitata e una produzione annua di 3,8 milioni di ettolitri, oggi è sicuramente il comparto più importante della produzione agricola regionale”.

Questi appuntamenti hanno riscosso grande attenzione tra i cittadini tanto che anche la recente  videoconferenza sul pomodoro ha fatto registrare un’adesione veramente lusinghiera con collegamenti dal Veneto, dal Piemonte e persino dalla Romania. Infatti – aggiunge la Dirigenteabbiamo raggiunto la massima capienza della piattaforma con 100 partecipanti e numerose persone che non hanno potuto avere accesso”.
Anche questa volta sarà relatore il dott. Agronomo Silverio Pachioli, accademico dei Georgofili con il suo bagaglio di conoscenza teorica e pratica.

L’appuntamento è previsto per martedì 02 febbraio alle ore 20;30.

Link per il collegamento https://meet.google.com/kqi-hrfk-pgd.

Agricoltura e agroalimentare, quarto appuntamento con il ciclo di videoconferenze organizzate dall'Istituto Agrario “A. Serpieri”