HUB vaccini di di Tagliacozzo in tilt, lunghe attese. Giovagnorio “Oggi, sono previste quasi 250 vaccinazioni ma alle 11.00 delle dosi ancora non se ne vede neanche l’ombra”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Tagliacozzo -” Tutto andrebbe alla perfezione nell’hub vaccinale di Tagliacozzo, presso la prestigiosa sede del Palazzo Ducale, se non fosse che a causa di una incomprensibile disposizione, posta in atto dal responsabile del servizio farmaceutico della Asl1, da qualche giorno a questa parte, si creano ritardi e disservizi per gli utenti e gli operatori del centro.”

“Fino a prima di Pasqua infatti, la preparazione delle dosi avveniva in sede, da parte di un farmacista che era presente in ogni hub vaccinale, ma da quando si è deciso di concentrare il servizio di preparazione ad Avezzano e poi di procedere allo smistamento, sono incominciati i problemi e i ritardi.”

“Il Comune e i gruppi di volontariato stanno collaborando con la Asl, profondendo grande energie e impegno affinché la campagna vaccinale sia il più funzionale possibile, ma poi incomprensibili decisioni e burocrazia da parte dell’Azienda, unitamente all’inefficienza lavorativa di alcuni, mettono i così detti “bastoni tra le ruote” e mandano in tilt la macchina organizzativa.”

“Giovagnorio “Oggi, domenica 18 aprile, sono previste quasi 250 vaccinazioni le cui somministrazioni sarebbero dovute iniziare alle ore 10.00, ma allee 11.00 e delle dosi ancora non se ne vede neanche l’ombra” ha dichiarato il Sindaco Vincenzo Giovagnorio. “Inevitabili assembramenti interni ed esterni al centro, ngorghi e file di automobili di cittadini che seguitano a confluire, ma che non sono serviti nella vaccinazione, spazientimenti che gli operatori e i volontari a stento trattengono e calmano”.

“Sarebbe il caso forse che chi è preposto a questa funzione si alzasse un’ora prima al mattino (anche di domenica), così da provvedere alla preparazione e allo smistamento dei vaccini in modo puntuale.”