Revocati gli arresti domiciliari al sindaco Settimio Santilli. Esce dal carcere Filippo Piccone



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Sono stati revocati gli arresti domiciliari per il sindaco di Celano Settimio Santilli. La decisione è stata presa nella giornata di ieri dai giudici del Tribunale del Riesame di L’Aquila Alessandra Ilari (presidente), Giovanni Spagnoli e Niccolò Guasconi. Per il vicesindaco Filippo Piccone il tribunale ha stabilito la scarcerazione. Disposto, nei confronti di entrambi, il divieto di dimora a Celano.

Piccone e Santilli sono i principali indagati nell’inchiesta “Acqua fresca” che, all’alba dello scorso 22 febbraio, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 25 persone tra amministratori e funzionari del Comune di Celano, liberi professionisti e imprenditori, residenti nella Province di L’Aquila, Roma, Teramo e Pescara. In tutto sono state denunciate, alla competente Autorità Giudiziaria, 56 persone.

I reati contestati a vario titolo sono: induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione, tentato peculato, turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio.