Revocati gli arresti domiciliari al sindaco Settimio Santilli. Esce dal carcere Filippo Piccone



Avezzano – Sono stati revocati gli arresti domiciliari per il sindaco di Celano Settimio Santilli. La decisione è stata presa nella giornata di ieri dai giudici del Tribunale del Riesame di L’Aquila Alessandra Ilari (presidente), Giovanni Spagnoli e Niccolò Guasconi. Per il vicesindaco Filippo Piccone il tribunale ha stabilito la scarcerazione. Disposto, nei confronti di entrambi, il divieto di dimora a Celano.

Piccone e Santilli sono i principali indagati nell’inchiesta “Acqua fresca” che, all’alba dello scorso 22 febbraio, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 25 persone tra amministratori e funzionari del Comune di Celano, liberi professionisti e imprenditori, residenti nella Province di L’Aquila, Roma, Teramo e Pescara. In tutto sono state denunciate, alla competente Autorità Giudiziaria, 56 persone.

I reati contestati a vario titolo sono: induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione, tentato peculato, turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio.