Sindaco di Sante Marie riceve il gruppo di professionisti di Ancora Antinum. Matteo Di Fabio: “Bisogna saper prendere spunto da altre realtà virtuose”



Civita D’Antino – Valorizzazione e promozione delle bellezze locali e l’importanza di avviare un percorso di marketing territoriale per far conoscere la storia, la cultura e la natura del territorio anche fuori di confini regionali e nazionali.

Questi i temi al centro dell’incontro, che si è svolto il 10 febbraio scorso, tra il sindaco di Sante Marie, ex assessore regionale e presidente dell’Uncem Abruzzo, Lorenzo Berardinetti, e il dottor Matteo Di Fabio, ideatore dell’Associazione Ancora Antinum, il gruppo di professionisti che sta portando avanti un ambizioso progetto di valorizzazione del territorio di Civita D’Antino.

“È stato un incontro molto interessante e produttivo, caratterizzato da uno spirito propositivo che fa bene ai nostri territori e alla collettività. Abbiamo avuto uno scambio di idee che sicuramente porterà a una collaborazione attiva”, ha dichiarato Berardinetti.

L’ideatore di Ancora Antinum ha voluto fortemente porre al centro della discussione la questione dello sviluppo turistico dei piccoli borghi, uno dei cavalli di battaglia del Comune di Sante Marie, conosciuto in tutta Europa per il suo “Cammino dei Briganti”.

“Per noi è stato fondamentale puntare sul turismo, crederci, sviluppare diverse idee e poi metterle in pratica. Uno dei sogni divenuti realtà è sicuramente il Cammino, un percorso straordinario che ogni anno attrae migliaia di persone nel nostro piccolo comune – prosegue il primo cittadino – Si può e si deve rilanciare il territorio attraverso la cultura, la storia, la natura e l’arte”.

Soddisfatto dell’incontro anche Di Fabio, che ha sottolineato come per costruire il futuro di una comunità sia importante anche guardare al passato, alla storia e alle tradizioni, ma anche volgere lo sguardo ai borghi che hanno già avviato dei percorsi che stanno dando risultati concreti.

“Se si vuole progredire, bisogna saper prendere spunto da altre realtà virtuose cogliendone in primis la disponibilità e poi seguendone l’esempio. Il territorio di Civita D’Antino ha fatto la storia della Marsica ed è stata fondamentale in quella di Roma”, ha spiegato Di Fabio.

“Oggi, bisogna cominciare di nuovo ad imparare, a lavorare con umiltà, e forse torneremo ad essere veri protagonisti. L’Unione Nazionale dei Comuni Montani rappresenta uno dei tanti punti di partenza per un progresso territoriale – ha sottolineato – Bisogna inserirsi e proporsi per entrare in questi importanti circuiti nazionali. L’associazione Ancora Antinum ringrazia il presidente Uncem Abruzzo per l’accoglienza, la disponibilità e l’amore che mostra quotidianamente per la Regione Abruzzo e per il territorio”, ha concluso.