Ospedale Avezzano, lo chef Franciosi a Di Pangrazio:”Lotti per il futuro dei nostri bambini”



Avezzano – “Oggi come tutti i giorni due persone devono recarsi in ospedale ad Avezzano per importanti, ricerche, visite o ricoveri. Non ce la faccio a pensare che loro, come tanti altri avezzanesi, dovranno parcheggiare a centinaia di metri e affrontare – siano essi malati, donne con bambini, persone anziane – freddo e pioggia sferzante per raggiungere l’ingresso dell’accettazione.  Ora mi chiedo: perché in un centro commerciale, invece, parcheggi comodamente al coperto e, grazie a scale mobili o ascensori, sei subito e comodamente dove vuoi? Perchè?”. Questo l’appello che lo chef Franco Franciosi ha affidato ai social.

“Signor Sindaco di Avezzano – continua – la invito senza indugio e già da stamattina ad affrontare la situazione ed i problemi in cui versa l’ospedale di Avezzano; senza indugio convochi chi di dovere per individuare le aree e tracci già stamattina le linee per il nuovo ospedale di Avezzano. Lotti affinché l’azione predatoria da parte di altri ospedali nei confronti dei reparti del nostro smetta subito e si faccia restituire quello che ci hanno nel tempo sottratto. Per concludere le dico che ho sempre fatto differenza tra cose urgenti e cose importanti, ma stavolta la situazione dell’ospedale di Avezzano le riassume entrambe. È forse la sfida più grande per la città, e tra poco ci saranno anche i soldi che arriveranno dall’Europa. Non indugi signor Sindaco, lotti per i suoi cittadini, per Avezzano, per il futuro dei nostri bambini”.