L’Arma dei Carabinieri in prima linea per fronteggiare la grave emergenza in atto



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Dallo scorso 11 novembre l’Arma dei Carabinieri  è impegnata, insieme con tutte le altre Forze Armate, nell’ambito dell’operazione IGEA, voluta fortemente dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, nel fornire un concreto supporto a tutte le istituzioni della provincia di L’Aquila  per affrontare l’attuale emergenza sanitaria.

L’Arma, come sempre, è vicina alle necessità della popolazione. Il Comando Provinciale dei Carabinieri di l’Aquila, diretto dal Colonnello Nazareno Santantonio  ha pianificato e messo in campo un grande sforzo operativo e logistico, con l’aiuto delle amministrazioni comunali interessate e della protezione civile  locale e regionale, rendendo operativi 4 Drive Through impegnati quotidianamente, in concorso con la ASL 1, al fine di aumentare la capacità giornaliera di esecuzione dei tamponi. 

Nei 4 presidi (L’Aquila-Preturo, L’Aquila-Bazzano, Avezzano e Sulmona),  in ausilio ai distretti sanitari locali, sono giornalmente  impiegati 20 carabinieri, di cui 4 ufficiali medici e 8 carabinieri infermieri, oltre che una componente di carabinieri dei reparti territoriali impegnata nel trasporto delle provette presso l’Istituto Zooprofilattico di Teramo, dove vengono processati i  tamponi  eseguiti. 

L’Arma dei Carabinieri, con l’impiego di propri medici e infermieri, concorre così fattivamente, insieme alle istituzioni sanitarie locali, anche alla tutela  sanitaria dei cittadini per fronteggiare la grave emergenza in atto.