Clima di terrore all’ospedale di Avezzano, intimidazioni al personale sanitario per il video della vergogna



Avezzano – Le Iene sono tornate di nuovo nel girone infernale dell’ospedale di Avezzano a documentare l’incredibile testimonianza di due dipendenti che hanno raccontato di aver subito interrogatori e avvertimenti allusivi sull’eventualità di un controllo dei loro telefoni personali.

Questo quanto è accaduto dopo che le reti Mediaset, giovedì scorso, avevano diffuso le immagini del degrado del San Filippo e Nicola in tutta Italia.

Ora l’azienda sanitaria vuole scoprire l’autore del video, vuole identificare il colpevole, colui che ha filmato il re nudo! Come se le immagini mostrate non significassero nulla, come se la dignità calpestata dei malati, sia la normalità di un paese consumato dall’indolenza degli ignavi.

La faccia paonazza di una dirigente medico che urla e scappa davanti alla realtà, suscita sgomento per la protervia di un atteggiamento che grida vendetta al cospetto di Dio. Ma forse è solo il triste epilogo di un sistema fatto di acquiescenza e di omertà.

I Direttore Testa attraverso l’addetto stampa ASL fa sapere che non vuole rilasciare dichiarazioni.

Questa volgarità in giacca e cravatta pretenderebbe di attribuire all’autore del video la colpa del tracollo della sanità marsicana. La questione però non è chi sia l’autore delle immagini, ma quello che le immagini raccontano. Le immagini sono rivelatrici, non lasciano scampo, dicono chiaramente chi sono i veri colpevoli.

 

GUARDA IL VIDEO DE LE IENE