t1

t2

E’ un anno in cui il neo Sindaco Di Cesare Martorano ‘Martin’ e l’Amministrazione imprimono alla vita amministrativa del Comune una forte spinta propulsiva. Gli impianti idrici e fognari vengono potenziati e migliorati; viene inoltre riavviata l’adesione al bacino del gas metano. La chiesa di S. Leucio e la Scuola vengono in qualche modo ristrutturate, si cerca di risistemare e realizzare strade interpoderali ed interne del paese (via don Gaetano Tantalo).Si completa l’illuminazione in via G. Palozzi e si avviano i lavori all’ostello della gioventù. Si portano avanti progetti turistici, archeologici e naturalistici. Vengono supportate politicamente tutte e tre le cooperative locali esistenti e si mantengono i diritti delle popolazioni, come la caccia e l’espansione turistica. E’ l’ultimo anno in cui vengono dati dal Comune i fondi dell’ECA, infine si ridà ordine ed efficienza all’archivio comunale.

Passando ora ad un’ analisi degli elementi amministrativi, abbiamo in ordine cronologico:

C.C. 2) “Adeguamento tariffa acqua potabile e nolo contatori”

C.C. 4) “Bilancio di previsione 1988 per 4,5 miliardi”

C.C. 7) “Recepimento regolamento regionale, servizio fognatura comunale”

C.C. 11) “Progetto speciale PNA completamento stalle collettive”

C.C. 12) “Affidamento camping Tricaglio a cooperativa Aceretta”

C.C. 13) “Affidamento coop COOZAF servizio gestione recinto daini”

C.C. 15) “Adesione bacino metanizzazione Abruzzo 14”

C.C. 17) “Affidamento incarico completamento impianto elettrico” Via G. Palozzi.

C.C. 18) “Affidamento progetto sistemazione strade interpoderali”

C.C. 19) “Approvazione progetto di massima, strada di collegamento Centro storico” Via Loreto Grande.

C.C. 20) “Approvazione prog. Esecutivo ristrutturazione Scuola materna 106 milioni”

C.C. 21) “Adozione criteri per l’erogazione contributi ex ECA”

C.C. 23) “Revoca delibere G.C. 41/86 e C.C. 37/86 relative al taglio uso industriale bosco Vallone Forte” Questo è un forte segno di cambiamento politico dell’Ente che, pur non comportando perdite per il paese, aveva un forte valore politico nei confronti del Parco.

C.C. 29) “Colonie bambini e soggiorno anziani, delega a Com. Montana”

C.C. 37) “Approvazione progetto 6° lotto rete idrica”

C.C. 38) “Piano regionale paesaggistico legge 431” Vengono approvate 11 osservazioni a salvaguardia dei diritti e dell’espansione turistica di Villavallelonga, una delle quali riguarda i confini del Parco.

C.C. 40) “Conferma istituzione provincia AZ”

C.C. 42) “Assunzione mutuo 100 milioni per riparazione opere danneggiate da calamità atmosferiche del gennaio 1987”

C.C. 47) “Avanzo di sei milioni delle feste patronali, devoluzione somma a riparazione tetto chiesa San Leucio”

C.C. 64/65) “Approvazione progetti 7° ed 8° lotto, ampliamento rete idrica”

C.C. 67) “Realizzazione Ostello, appalto del 1° lotto”

C.C. 75) “Richiesta coop la Poiana per la gestione infrastrutture comunali rifugi”

C.C. 96) “Approvazione progetto ‘Centro ippico ricreativo’”

C.C. 100) “Progetto di riqualificazione ed arredo urbano di Villa” Non approvato da Regione.

C.C. 103) “Approvazione piano di studio risorse archeologiche della Vallelonga” Gli archeologi erano dell’università di Pisa, il professore era Cesare Letta.

C.C. 105) “Approv. piano progettuale intercomunale di sviluppo della Vallelonga”

C.C. 108) “Approvazione preventivo di ristrutturazione archivio comunale”

C.C. 114) “Ordinanza interministeriale di divieto di caccia zona contigua PNA” Ricorso al T.A.R. con voto unanime.

C.C. 122) “Esame ed approv. piano di concessione contributi assistenziali ex ECA”

C.C. 129) “Approvazione progetto aree verdi”

C.C. 133) “Intervento di salvaguardia e valorizzazione ambientale a tutela dell’orso” Un progetto destinato alla montagna Difesa, mai finanziato.

Abitanti 1081 di cui donne 570 ed uomini 511

avezzano t2

t4

1988

t3

avezzano t4

t5