t1

t2

Il 79 rappresenta un anno di resoconti amministravi. Grande vuole adottare una linea politica diversa rispetto all’attuale, perché troppo sbilanciata e spregiudicata, senza peraltro aver portato nulla in più di solido al paese. C’è poca attività di Consiglio e molta di Giunta, segno questo, di una rottura profonda con alcune parti della maggioranza. Quest’anno si torna a chiedere al Parco maggiore attenzione alle esigenze della popolazione. Si arredano i marciapiedi con le aiuole e si cambia arredamento alle scuole. Si cerca di portare avanti piccoli e grandi progetti. Ci sono le elezioni Europee. Quando c’erano le elezioni esterne al paese, alla casa di Mimì c’era il ritrovo politico, formato da esponenti di varie posizioni alternative.

Mi è sempre rimasto in mente come Nicola Di Cesare ‘Scurzone’ e Mimì, rappresentanti di opposte ideologie, vedessero insieme i risultati degli spogli elettorali alla televisione. Il tutto, come se fosse una attuale partita a pallone con la presenza dei tifosi opposti, i ricordi dei sorrisi, di sfottò e le affermazioni fatte a discolpa degli eventi, al variare delle percentuali in più o in meno del partito di appartenenza. Era come una tribuna politica post elezioni odierna, fatta in casa con genuinità e spirito di rispetto.

Passando ora ad un’ analisi degli elementi amministrativi, abbiamo in ordine cronologico:

Sia C.C. che G.C.

C.C. 7) “Ratifica delibera di G.C. approvazione conteggio prezzi per costruzione depuratore”

C.C. 12) “Approvazione bilancio 1979 per 477 milioni”

C.C. 13) “Approvazione contributo regionale” cosi divisi:

Pagamento ing. Basi Alessio progettista G.C. 20) per 10 milioni
Ampliamento casa comunale ing. Sansone Loreto G.C. 21)
Migliorie edificio scolastico via Aia Canale ing. Sansone Loreto G.C. 22)
C.C. 18) “Rideterminazione canone affitto aree comunali ricadenti nel PNA” Aumento del canone da 15 a 32 milioni, dovuto all’allargamento di influenza.

C.C. 20) “Installazione busto ‘Loreto Grande’ Illustre cittadino di Villa. Il busto viene costruito con il contributo dei soldi avanzati nella festa della Sagra della pecora. Il primo posto scelto era piazza S. Francesco, venne successivamente posto al giardino botanico. Lo scultore del busto è l’artista Tantalo Loreto ‘Mingich’

C.C. 27) “Adozione PRG tecnici C.U.A.” rinviata.

G.C. 30) “Festa degli alberi”

G.C. 40) “Sistemazione aiuole con protezione in ferro”

G.C. 88) “Elezioni politiche Europee”

G.C. 128) “Refezione scuola materna”

G.C. 153) “Medicine ai poveri ECA”

avezzano t2

t4

1979

t3

avezzano t4

t5