E’ un anno di elezioni comunali, il Sindaco non ha intenzione di ripresentarsi, ma vuole finire a tutti i costi le iniziative messe in campo. Approva il progetto definitivo per la strada di S. Elia, inizia il terzo lotto della rete idrica e fognaria ed appalta la costruzione del mattatoio.

Sistema la strada per Amplero, incrementa l’illuminazione e recinta dignitosamente Villabella.

Inoltre chiede contributi per la sistemazione delle strade interne, per il completamento delle fogne e per la costruzione di un ambulatorio comunale. A metà anno ci sono le elezioni ed entra il nuovo Sindaco dott. Ranalli Omero insieme ad un nutrito numero di giovani acculturati e di belle speranze.

La nuova amministrazione, dopo qualche chiarimento politico interno alla Giunta, prova subito a far rimettere in funzione un impianto di carburanti (quello precedente era andato in fiamme), approva il bilancio ed appalta il 3° lotto della rete fognaria. Richiede uno scuolabus, progetta rifugi montani ed acquista nuovi mobili per l’ufficio del Sindaco. Iniziano i lavori della strada di S. Elia, con un marchingegno contabile che dà la completa copertura economica del 20% a carico del Comune.

Passando alla cronologia degli eventi tramite le delibere comunali:

 

C.C. 3) Integrazione ad atto di concessione terreni a De Rosa Alfredo per costituenda s.p.a.

 

C.C. 7) Approvazione progetto campo sportivo, ing. Sansone Loreto.

 

C.C. 12/13) Incarico ed approvazione progetto dei lavori di sistemazione di via Sant’Elia, da innesto di via Madonna a Monte fino al valico di Serralunga, ing. Sansone Loreto.

 

C.C. 23) Assunzioni mutui, 24 milioni per costruzione mattatoio e 46 milioni per 3° lotto rete idrica e fognaria, con Cassa Depositi e Prestiti.

 

G.C. nn) Uso civico alla Reglia, 700 lire al quintale.

 

G.C. 16) Liquidazione spese per taglio alberi modello a loc. Vado della Fonte.

Fra le altre cose troviamo anche sette fiaschi di vino, l’operazione di martellata avvenne con la presenza della neve ed era necessario scavarla per prendere le misure degli alberi e perciò era necessario il vino per scaldarsi. Il Pisegna da tempo voleva vendere quel bosco, che era fondamentale per la realizzazione delle opere in cantiere. Rap’lone, che era presente alla martellata, sentì dire dal Sindaco: “Questo bosco lo devo vendere io”.  In effetti il mandato era al termine e, pur non volendo ricandidarsi, il Pisegna voleva lasciare le cose in itinere finite ed a posto economicamente.

G.C. 26) Assunzione annuale elettricista Rossi Gaetano “Gaetanucce”

“Una persona di media statura ed intelligente. Faceva l’elettricista e prendeva le letture dei contatori. Appassionato di calcio. Sposato con la signora Francesca, ha avuto in tutto tre figli, di cui due calciatori”. Da ricordi  Moschettieri.

G.C. 28) Collaudo lavori 2° lotto rete idrica e fognaria.

G.C. 56) Richiesta autorizzazione prefettizia per appalto costruzione mattatoio.

 
G.C. 57) Recinzione Villa comunale, con cancellata di ferro affidata al fabbro Pisegna Olindo “I Fagocchio”. Prima c’era la rete metallica con paletti, da ricordi dei Moschettieri. “Pisegna Olindo oltre a fare il fabbro, ha fatto molti altri mestieri, fra i quali sappiamo: trasporto defunti, mugnaio, segantino ed agricoltore. Oggi ha oltre 80 anni ed è ancora in attività. Persona alta, gentile e di bell’aspetto, ha sposato la signora Maria ed ha tre figli”. Da ricordi dei Moschettieri. 
   

 

G.C. 70) Indizione di elezioni Regionali, Provinciali e Comunali.

Il Pisegna decide di non ricandidarsi, sicuro di aver già compiuto il suo dovere per il suo paese, e lascia strada ad una nuova compagine, guidata dal dottore Omero Ranalli.

Nel contempo nasce la Regione Abruzzo e si vota per la 1° volta per le regionali

 

G.C. 90) Liquidazione ditta Idio Ridolfi, per sistemazione strada Collelongo Amplero.

G.C. 115) Liquidazione sgombro neve.

A primavera si tolse la neve dal centro abitato per dar modo di far ripartire i cantieri di sistemazione delle strade interne, ed aprire il cantiere di ampliamento e potenziamento della pubblica illuminazione. Con le ruspe venne caricata la neve sui camion e portata fuori dal paese.

Il Pisegna non voleva perdere tempo. Dai ricordi dei Moschettieri

 

G.C. 119/121/123) Richiesta contributo statale per sistemazione vie e piazze dell’intero abitato,

richiesta contributo statale per completamento fognatura e richiesta contributo statale per costruzione ambulatorio .   Ing. Sansone Loreto.

 

Eletti 1970

Ranalli OmeroZi MastrSindacoMedico-Dentista
Salucci AngeloGnaccioAss. suppl.Insegnante
Grande NicolaCirblconsigliereProf. filosofia
Fiore IgnazioGnasittconsigliereCollocatore
Salucci ItaloPerpetuaAssessoreInsegnante
Del Turco AntonioSciamponeconsigliereAgricoltore
Gatti Pier GiorgioLuigitt MartinAssessore e v.Sind.Insegnante
Ciccone NicolaPasqualaccioconsigliereMuratore
Cesta FrancescoN’gicchittconsigliereSarto  e Ristoratore
Mariani AntoninoLa CajenellaconsigliereAgricoltore
Mancini VittorioSergio ScanzanoAss. suppl.Insegnante
Guglielmi AndreaL’orologiaioconsigliereOrologiaio
Cianciusi AntonioToninconsigliereProfessore
Salucci RemoPallaccittconsigliereDottore e Dentista
Sucapane GiovanniL’AppolicaCons. poi Ass. V.Sind.Insegnante e giornalista

C.C. 26) Elezione del Sindaco. Votazione 11 favorevoli e 4 contrari.

Ranalli Omero, al momento della proclamazione, esprime promessa che egli dedicherà ogni sua energia nel bene dell’interesse pubblico.

C.C. 27) Nomina Giunta. Assessori effettivi Gatti Pier Giorgio e vice Sindaco Salucci Italo.

Assessori Supplenti: Mancini Vittorio “Sergio Scanzano” e Salucci Angelo.

     

 “Il Ranalli era una persona di bella presenza, gentile e di buona famiglia, ed era conosciuto in tutta la Marsica ed oltre. Dottore e dentista, era affabile con tutti ed era sempre pronto ad offrire qualcosa (a volte dalle persone meno abbienti non si faceva neanche pagare). Persona generosa oltremodo si dedicò completamente allo sviluppo ed il progresso del paese. Di fede democristiana aveva buone possibilità di ottenere candidature sovracomunali e si parlava anche di elezioni nazionali. Ricordato benevolmente da tutto il paese, morì in un incidente d’auto, probabilmente per un problema meccanico. Sposato con la signora Marisa, ha avuto tre figlie”.

“Il Gatti alto di statura, è una persona corretta, seria, preparata e di buona cultura. Di carattere inflessibile, non amava compromessi politici scomodi. Di professione docente, senza personali ambizioni politiche, portò avanti il Comune correttamente dopo la morte del Sindaco Ranalli. Sposato con la signora Francesca, ha avuto due figlie”.

“Salucci Italo, uomo di bell’aspetto e bravo, non tanto alto, ma snello, amante della precisione, sapeva i fatti suoi, facendosi sentire, quando ci voleva. Un tipo di poche parole, insegnante di professione si è sposato con la signora Annamaria ed ha avuto due figlie”.

“Il Mancini, uomo di media statura e robusto, è un bravissimo professore di Italiano, molto eloquente e pragmatico. Sa stare in comitiva e dice quasi sempre cose giuste e sincere. Di bella presenza, rispettoso, gentile ed educato, ha sposato la signora Cristina ed ha avuto due figli entrambi avvocati”.

“Salucci Angelo è una persona alta e robusta. Professore di matematica è sempre stato un socialista convinto, ricoprendo, per breve tempo, anche la carica di Consigliere ed Assessore Regionale.

Di carattere intransigente è stato successivamente per tre volte Sindaco del Paese. Sposato con la signora Nicoletta, ha avuto tre figli”. Dai ricordi dei Moschettieri.

 

Ora delibere nuova amministrazione:

 

C.C. nn) Approvazione della G.C. n°3/06 (dell’amministrazione Pisegna), per ampliamento impianto pubblica illuminazione.

 

C.C. 34) Autorizzazione all’impianto di benzina.

Sistemazione dello stesso in luogo opportuno, scelto dalla ditta Iani Vulmaro, rimosso a seguito sistemazione piazza Ara dei Santi, lì o in qualunque altro posto. (Come da delibera.)

“Il distributore già esisteva in piazza, ma un giorno andò a fuoco e da allora non venne più riattivato. Il giorno che bruciò, nell’anno 65 circa, il fuoco durò per due o tre ore. Per fortuna il distributore era pieno di estintori ed altri arrivarono da San Benedetto e quindi il fuoco venne da prima circoscritto e poi spento”. Da ricordi di Cesta Armando “Sacerdote”.

 

C.C. 36) Presa d’atto ritiro dimissioni dalla carica di assessore anziano, presentate da Gatti Piergiorgio.

 

C.C. 39) Approvazione bilancio di previsione 1971 di lire 339.138.730, di cui 268.474.256 formato da entrate provenienti da assunzioni di mutui.

 

C.C.40) Appalto lavori di costruzione terzo lotto rete idrica e fognaria.

Ora Giunte:

G.C. 143 bis) Utilizzazione bosco Valle Casale con asta pubblica, per uso civico 1970/71.

 

G.C. 164) Impegno di spesa per costruzione strada Collelongo – S. Elia.

Copertura economica del 20% di spesa spettante al Comune, non più con mutuo, ma con concessione gratuita di utilizzo delle cave locali di materiale calcareo, occorrente per la costruzione della strada stessa.

 

G.C. nn) Bus scuola media, richiesta autorizzazione a trattativa diretta, poi non andò a buon fine.

 

G.C. 192) Incarico costruzioni rifugi, al geom. Morga. Giuseppe per redazione progetto.

 

G.C. 216) Approvazione e pagamento 3° ed ultimo stato avanzam. lavoro rete idrica e fognaria.

 

G.C. 227) Acquisto mobili per il gabinetto del Sindaco, formato da un mobile libreria, un tavolo scrivania con due cassetti, 1 poltrona imbottita, due sedie imbottite ed una piccola scrivania.

Veduta di Villabella dell’agosto del 1970.

Si vedono i sanpietrini necessari alla scalinata davanti la Fonte Vecchia e la villa con la nuova recinzione.

Precedentemente si era provveduto a spallare il lavatoio che stava alla fine della fontana al lato sinistro della foto.

Questo lavoro faceva parte del progetto di risanamento igienico del paese.

 

Note del tempo e foto:.

  • Il 3 gennaio i Beatles si riuniscono per l’ultima volta in uno studio di registrazione per concludere l’incisione dell’album Let it Be.
  • Adriano Cementano e Claudia Mori vincono Sanremo con “Chi non lavora non fa l’amore”
  • Il 25 marzo, primo volo commerciale del Concorde.
  • Il 12 aprile la squadra di calcio del Cagliari, con Gigi Riva, conquista lo scudetto
  • Il 20 maggio viene varato lo Statuto dei lavoratori che tutela i diritti dei dipendenti. Il padre di questa legge (legge 300/70) è il socialista Gino Giugni.
  • Il 7 giugno ci furono le prime elezioni regionali amministrative per i Consigli delle Regioni.
  • Viene varata la legge che istituisce il Divorzio (L. 1 dicembre 1970, n. 898)
  • Visita del Presidente USA Richard Nixon in Italia. Il suo arrivo provoca numerose manifestazioni contro la guerra in Vietnam.
   

 

   

avezzano t2

t4

1970
1970

avezzano t4

t5