t1

t2

Ad inizio anno ci fu un cambio al vertice, Cesta Carmine si dimette per motivi di incompatibilità con il proprio lavoro ed entra al suo posto Grande Giovanni ‘Cocuzza’. Un uomo di equilibrio, che così, diventa per la seconda volta Sindaco del paese e prende il suo posto da assessore Bellisario Augusto. A fine anno si va alle votazioni, e la seconda lista viene bocciata per numero eccessivo di firme. L’altra lista capeggiata da Pisegna Pietro raggiunge il quorum, ed entrano solo 12 consiglieri di maggioranza, senza quelli di minoranza. La lista composta quasi tutta da giovani, a fine anno si insedia al Comune. Non sono riuscito a trovare le delibere di Consiglio comunale, quindi non ho l’atto di nomina del Sindaco e la narrazione amministrativa, relativa all’anno in corso, avverrà solo per Giunte comunali.

Il Grande prosegue l’iter amministrativo precedente e termina il processo di ammodernamento del paese iniziiato dal Cesta. Si comprano le stufe per la scuola ed i mobili per gli uffici del Comune. Si pagano gli avvocati, si sistemano gli infissi, si pagano i lavori occorsi alla sorgente della Botte e si installano i termosifoni all’asilo.

Durante quest’anno, si vota anche per le elezioni provinciali e Salucci Remo ne diventa Consigliere.

Passando alla cronologia degli eventi tramite le delibere comunali, non trovando il fascicolo dei Consigli, ho riportate solo le Giunte.

G.C. 2) Liquidazione spese, per acquisto di tre stufe per l’edificio scolastico Warm Morning.

G.C. 14/03/64) Questa data di Giunta viene riportata, perché, in mancanza delle delibere di Consiglio e quindi di nomina del nuovo Sindaco, assessori e ass. supplenti, troviamo il nome del nuovo Sindaco Grande Giovanni “Cocuzza” , il nuovo assessore Bellisario Augusto e l’ass. supplente Mancini Pietro.

G.C. 12) Assunzione spese di gestione cantieri lavoro Ente Fucino per riparazione strade interne.

G.C. 23) Acquisto mobili per uffici comunali.

G.C. 33) Approvazione preventivo per riparazione finestre edificio scolastico, presentato dal falegname Manna Priamo.

G.C. 57) Acquisto disinfettanti e deodoranti, per uffici pubblici e disinfezione dell’abitato.

G.C. 60/61/62) Liquidazione parcelle avvocati. Relative alle cause di confine.

G.C. 63) Richiesta taglio di sgombro bosco Vallone Cupo, a causa di molti fusti secondari che non ne favoriscono l’aumento della massa legnosa.

G.C. 69) Liquidazione geometra Cesile Benito “I Cernatur”, per perimetrazione scuola. (foto a destra)

“Il Cesile, diplomato geometra, era figlio di costruttori edili. Finiti gli studi, trasferitosi a Roma, intraprende la professione di geometra, per poi lavorare ad un Ministero. Un tipo molto gentile, educato, abbastanza alto, snello e di bella presenza, si è sposato due volte a causa della prematura scomparsa della prima moglie ed ha avuto due figlie”. Da fonte ricordi dei Moschettieri.

G.C. 80) Sistemazione sorgente Botte ed alcune fontane.

La ditta Giacinto Rossi portò un grosso generatore per fare luce dentro la sorgente e per saldare i moschetti. Da Fonte ricordi dei Moschettieri.

G.C. 84) Nomina a banditore comunale, a Pisegna Mariano “M’ssiù”.

G.C. 85) Concessione a trattativa privata a ditta Ugo Morgante dei lavori di costruzione dell’impianto termico alla scuola materna.

G.C. 90) Disciplina propaganda elettorale per elezioni provinciali e comunali.

G.C. 98) Assegnazione spazi per propaganda diretta liste comunali.

Nel testo troviamo detto: “Unica lista ammessa in questo Comune, portante per contrassegno lo Scudo Crociato della Democrazia Cristiana, con la scritta ‘Libertas’”.

G.C. 100) Elezioni Consiglio Provinciale, assegnazione spazi. Qui troviamo due candidati locali e sono: Salucci Remo “Pallaccitt” per il M.S.I. e Salucci Giocondo “Maestro Giocondo” per il P.S.D.I.

G.C. 110) Permuta terreno fra Comune ed Arcipretura, fra zone Madonna a Monte e lungo via Circonvallazione.

G.C. 140) Imposta sul consumo anno 65, è datata 29 dicembre ed è firmata dal nuovo Sindaco Pisegna Pietro. Questa precisazione viene fatta poiché, non trovando delibere di nomina del Sindaco ed assessori che sono di Consiglio, è il primo documento che ne conferma l’elezione.

Cognome Nome

Soprannome

Carica

Professione

Pisegna Pietro

‘I Professor’

Sindaco

Professore poi Preside

Manna Domenico

‘M’n’cuccie’

Assessore

Geometra e Forestale

Salucci Ernani

‘Gilberto’

Ass. V. Sind.

Professore

Ciccone Pasquale

‘Tozz’

Ass. Suppl.

Perito Agrario

Salucci Giocondo

‘Giovanni Giocondo’

Ass.suppl Cons.re

Insegnante

Sansone Ennio

‘M’s’cone’

Cons.re poi Ass.

Macellaio

Bellisario Ruggero

Consigliere

Fattorino Corriere

Grande Stefano

‘Stefano Carlamone’

Ass. Suppl.

Operaio edile poi Cartiera

Cerone Attilio

‘Petricchio’

Consigliere

Muratore e Musicista

Giannantonio Achille

‘Marione’

Consigliere

Meccanico Idraulico

Fiore Ignazio

‘Gnasitt’

Consigliere

Collocatore

Cianciusi Nicola

Mastrangelo

Consigliere

Meccanico ed Autista

Pisegna P.

Salucci G.

Manna D.

Ciccone P.

Salucci G.

“Il Pisegna che si era laureato a Roma in lingue, è famoso per la sua serietà, gli dicevano: “Quiss è tedesco” ed aveva un carattere di ferro. Un uomo di media statura, di bell’aspetto e molto educato. Molto preparato in diversi campi. Una volta eletto Sindaco, riuscì a cambiare la visione e l’impostazione generale di questo paese. Arrivò, in un certo senso, ad ammodernare Collelongo e con esso le abitudini delle persone. Amante della concertazione, parlava con le parti interessate per addivenire a soluzioni comunque concordate, ed è ritenuto uno dei migliori Sindaci del paese.

Sposato con la signora Mariella di L’Aquila, ha avuto due figli”.

“Il Salucci, persona alta e snella, di carattere allegro e buono, è sempre pronto al dialogo.

A volte puntiglioso, specie in certi casi particolari, ha lasciato comunque un bel ricordo del suo operato amministrativo. Sapeva prendere le persone e sapeva mediare le cose. Di professione insegnante, attivista Socialista, si è sposato con la signora Pina di Sora ed ha avuto due figli”.

“Il Ciccone persona di media statura, snella e di bella presenza, proveniva da famiglia di agricoltori ed allevatori. Persona allegra, espansiva, rispettosa, intelligente e colta, ma mai boriosa, lavorava ad Avezzano, dove conobbe la moglie di nome Ada di Trasacco”.

“Il Grande era una persona alta e robusta. Conoscitore della storia orale del paese e dei suoi usi e costumi. Di fede Socialista aveva una grande personalità. Riuscì, imponendosi, a limitare gli abusi edilizi alle casette asismiche, trovando un compromesso fra le parti. Persona allegra e di compagnia, non disdiceva un buon bicchiere di vino e la sua passione era la caccia. Ha lavorato prima come muratore con la ditta Rossi e poi come operaio specializzato alla cartiera di Avezzano. Sposato con la signora Annina, ha avuto due figli”.

“Il Salucci G. persona di medio-alta statura e di bella presenza, è stato maestro elementare ed ha insegnato sempre a Collelongo. Persona moderata ed educata si è sposato con una maestra della Valle Peligna, anche lei docente nel paese ed ha avuto due figli, entrambi laureati.

“Il Manna, persona di media statura e robusto, diplomato geometra, successivamente ha lavorato alla Forestale. Un tipo allegro che non disdegnava la buona compagnia. Sposato con una donna di Spoleto, ha avuto due figli”. Da fonte ricordi dei Moschettieri. Note del tempo e foto:
· La Fiat produce la prima 850

· A febbraio bombardamenti sul Vietnam del Nord da parte dei caccia americani.

Truppe americane d’invasione sbarcano a Da Nang, nel Vietnam del Sud.

· Il 1° febbraio a Sanremo alla quattordicesima edizione del Festival trionfa Gigliola Cinquetti con Non ho l’età (per amarti).

· Il 1° novembre viene inaugurata la prima linea della Metropolitana di Milano.

Sei in: – DAL 1964 AL 1970 – 1964

Copyright http://www-pb3hu.hosts.cx | Area riservata |

Team sviluppatori | Grafica e Redazione | Copyright

avezzano t2

t4

1964

t3

avezzano t4

t5