t1

t2

In questo anno c’è un fortissimo calo demografico del paese che scende di oltre 230 unità. Credo che esso sia dovuto, in parte ad un ritorno all’emigrazione, in parte ai numerosi decessi dovuti all’invecchiamento della popolazione (molti giovani erano emigrati) ed in parte alla diminuzione delle nascite. Il 1961 è anche l’anno del boom economico italiano e prospettive di benessere e di vita migliore inducono all’abbandono dell’agricoltura, della pastorizia e del bosco. Forse anche per questo, comincia ad essere ora consistente l’emigrazione interna. Ci sono le prime colonie marine del dopoguerra e molti bimbi vedono per la prima volta il mare. Il passatempo principale per i giovani era

il cinema ad Avezzano la domenica, che in mancanza della diffusione della televisione era l’unico mezzo di distrazione e di evasione. Il cinema fu spesso il testimone del cambiamento sociale in essere nella nazione e nel mondo. Da fonte ricordi Lieta Quaranta.

Passando ora ad un’ analisi degli elementi amministrativi, abbiamo in ordine cronologico:

G.C. 1) “Gestione in economia del bosco Valle del Fossato” con 55 persone assunte.

G.C. 15) “Liquidazione medicine ai poveri”

G.C. 20) “Lippa Bernardo diventa esattore-tesoriere” Succede al padre Paoloantonio.

G.C. 31) “Incendio Valle Cerri”

G.C. 41) “Sistemazione strada Madonna della Lanna-Nangro”

G.C. 54) “Passaggio del Bestiame alla montagna Aifenza (Difesa)” Il tratturo delle vacche comincia dal Colle Pelato ed arriva fino a Punta Ara dei Merli.

G.C. 63) “Operazione di manutenzione boschiva” A Valle Cerri, Tasseto, Aceretta, Scelivento e Ciafassa.

G.C. 72) “Demolizione chalet donato dalla Croce Rossa” Costruito dopo il terremoto del 1915 come ospedale da campo e successivamente abitazione dei medici condotti.

Poiché lì andava costruita la nuova scuola, asilo intitolato a don Gaetano ed ora sede della banca e della farmacia.

G.C. 85) “Liquidazione muro di sostegno alla Canalicchia”

G.C. 106) “Ripulitura e sistemazione casa comunale”

G.C. 108) “Approvazione progetto strada Villa-Prati d’Angro” 1° tronco per 14 milioni.

G.C. 109) “Vendita di 2156 piante alto fusto del Tasseto”

G.C. 118) “Colonie Marine a Francavilla” Gestite all’epoca dall’Opera Pontificia. Emigrati all’estero 21, interni 43.

Abitanti 1556 di cui donne 845 ed uomini 711

avezzano t2

t4

1961

t3

avezzano t4

t5