E’ un anno in cui non troviamo molta attività amministrativa, nonostante si susseguano due Sindaci del Comitato di Liberazione. In realtà in questo momento gli ordini li dava il comando degli Alleati situato a Pescina, dove periodicamente i Sindaci andavano per prendere direttive. L’Italia, fino ad aprile è in guerra e la fanno da padrone gli eventi in atto sulla Linea Gotica, in Europa ed in Giappone. In questo momento lo Stato nazionale è allo sbando e la fame e le vendette turbano l’Italia ed il paese. Un evento positivo ad inizio anno è il Suffragio Universale che concede il voto alle donne. Il Comune, Ente gestore dell’economia locale, cerca di sistemare le necessità basilari, come l’approvvigionamento dei beni alimentari di prima necessità  e dell’acqua.

Si stabiliscono nuovi parametri per le tasse sull’allevamento e si continuano a vendere i boschi.

Queste ultime voci, raffigurano le uniche due economie locali ancora in piedi oltre all’agricoltura, dopo le devastazioni della guerra, che aveva visto nel 44 tutta la zona come fronte interno della linea difensiva tedesca (Linea Gustav) e le incursioni aeree dell’Aviazione militare degli alleati.

Passando alla cronologia degli eventi tramite le delibere comunali:  

N 2 del 7 aprile) Liquidazione spese relative alle liste elettorali. Le liste elettorali di uomini e donne furono redatte da Maussier Melchiorre, questa è la prima volta che si inseriscono anche le donne. L’istituzione del voto alle donneavvenne pochi mesi prima della conclusione del secondo conflitto mondiale. Il secondo governo Bonomi , su proposta di P. Togliatti e A. De Gasperi, introduceva in Italia il suffragio universale, “Estensione alle donne del diritto di voto”.

Maussier Melchiorre

(Foto del 1974)

Testata di un giornale riportante l’avvenimento.

N 7) Riparazione sorgenti dei territori di Villavallelonga che animavano le fontane di Collelongo. Frase ripresa da delibera: danneggiate ed in parte distrutte dalla soldataglia tedesca, che sostò vario tempo in quelle contrade. Incarico al tecnico del Genio Militare Rossi Orazio “Rasio” e richiesta di riparazione al Genio Civile.

 

N 10) Compenso per sorveglianza edificio scolastico, rovinato dalla soldataglia tedesca ed ora vittima di atti di vandalismo dei naturali, l’incaricato è Salucci Francesco fu Felice.

Del Turco Giovanni

   Del Turco Giovanni Il 4 luglio 45 viene sostituito con decreto del Prefetto da Venettacci Natale “Nataluccie”.

Probabilmente, finita la guerra,

i personaggi legati alla sinistra ed all’ideologia sovietica

non sono più graditi.

Verosimilmente questo potrebbe  essere  il  motivo  della  sostituzione.

Venettacci Natale

Troviamo come Sindaco il Del Turco fino alle delibere del 19 maggio. Nel frattempo il 25 aprile viene liberata l’Italia settentrionale, il 27 aprile viene ucciso Mussolini, il 30 aprile muore suicida Hitler, il primo maggio le forze armate tedesche in Italia si arrendono e l’otto maggio finisce la guerra in Europa con la resa della Germania.

La delibera n° 19 è la prima con la firma del Sindaco Venettacci Natale.

“Il Venettacci era un tipo molto serio, molto coraggioso e faceva il calzolaio. Era un tipo esile ed aveva avuto un’educazione clericale. Sposato con la signora Tecla, ha avuto quattro figli”. Dai ricordi dei Moschettieri.

 

N 22) Determinazione tassa sul bestiame, vista la circolare prefettizia che fissa i nuovi prezzi, il mulo ora quota 300 lire a capo e le pecore 60.

 

N n.n.) Proroga a ditta Pagani per utilizzazione boschi Valle dei Cerchi e San Leonardo, con l’aggiunta di ulteriori cento lire a pianta, oltre quello già pagato.

N 24) Nomina di un agente rurale interino, a Pisegna Lauretino.

“Era un tipo particolare, con i baffi e bello. Si sapeva inserire nelle discussioni ed era determinante in alcune conclusioni. Era un grande lavoratore e stava spesso dalla parte del più debole. Non aveva paura di nulla, però pe ce commatte ce voleva da fà. Sposato due volte, ha avuto due figli. Dai ricordi dei Moschettieri.

 

 

N 30) Premio per cessazione di servizio al segretario Genchi Cesidio.

Si ricordano: oltre 40 anni al servizio del paese, il giudizio di ottimo funzionario e la grande conoscenza delle Cause con i Comuni limitrofi. Egli  aveva  fornito agli avvocati di parte anche  un plastico tridimensionale delle montagne, cosa  all’epoca inimmaginabile. Questo plastico è ora  esposto al Comune. Durante la guerra resse da solo il Municipio, riuscendo ad addolcire abilmente l’ira e l’istinto di rapina dell’infame invasore tedesco, evitando rappresaglie e riducendo al minimo i danni alla popolazione, dando prova di civismo e di italianità.

“Era  un signore nato, di bell’aspetto, professionalmente preparato, segretario comunale per oltre 40 anni. Sposato con la signora Maria, ha avuto tre figli”. Dai ric. dei Moschettieri.

 

  Note del tempo e foto:

  • Il 25 aprile gli Alleati liberano le città di Milano e Torino dai nazi-fascisti, finisce in Italia la                                                  .     seconda guerra mondiale.
  • Il 28 aprile Benito Mussolini e Clara Petacci vengono fucilati a Giulino di Mezzegra (Como) da un gruppo di partigiani ed esposti impiccati al rovescio in piazzale Loreto a Milano.
  • Il 6 agosto in Giappone, che caparbiamente  continuava  a  combattere  contro  gli  Americani,  il quadrimotore B-29 Enola Gay sgancia una bomba atomica sulla città di Hiroshima ed il 9 agosto viene sganciata la seconda su Nagasaki. Il 15 agosto il Giappone si arrende ponendo fine definitivamente alla seconda guerra mondiale.
  • Il 18 settembre Alcide De Gasperi arriva a Londra per partecipare alla ‘Conferenza dei Cinque’ che ha all’Ordine del giorno la questione di Trieste e della Venezia Giulia.

 

    

avezzano t2

t4

1945
1945

avezzano t4

t5