Ospedale di Tagliacozzo, il consigliere regionale Ranieri: “Paolucci rassicura ma se chiude il Ministero non si può fare nulla”

Tagliacozzo – “P come Pilato, o Paolucci, cambia poco. Una battuta che provoca una risata amara, ma non c’è altro modo di commentare la visita che l’Assessore Paolucci ha svolto a Tagliacozzo insieme ai sindaci della marsica, per rassicurare, a suo dire i cittadini dalla chiusura dei punti di Primo intervento”. Il commento arriva dal consigliere regionale Gianluca Ranieri che ha partecipato all’incontro come auditore.

“Sì perché l’Assessore da un lato rassicura promettendo una delibera di giunta per scongiurarne la chiusura, dall’altra averte che qualora il ministero decidesse per la chiusura la regione potrebbe fare ben poco. Noi sappiamo bene che nel DCA 79/2016 è stata prevista la chiusura dei Punti di primo intervento e sappiamo che questa chiusura ha costituito una merce di scambio per l’uscita dal commissariamento. Perciò le rassicurazioni della delibera di Giunta stonano, e sembrano l’ennesima presa in giro verso un territorio, quello marsicano, che sul piano della sanità versa già in condizioni disastrose”. Afferma Ranieri.

“I presidi sulle 24h a Tagliacozzo e Pescina sono indispensabili per garantire alla Marsica un servizio minimamente adeguato di emergenza/urgenza” continua il consigliere 5 stelle “chi governa questa Regione deve prendersi l’impegno di garantirne il servizio a costo di prendere decisioni autonome e in contrasto con i decreti ministeriali, anche se questo dovesse significare impiegare risorse proprie.

Lo stesso dicasi per quanto riguarda altri servizi sanitari del territorio marsicano, parlo ad esempio del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Avezzano che deve rimanere aperto e funzi onante se si vuole garantire la sicurezza dei cittadini: non possiamo più tollerare che ci si nasconda dietro ad un dito per giustificare scelte dettate esclusivamente da interessi politici senza un reale interesse per la salute delle persone.”

Commenti