Riserva Naturale Zompo Lo Schioppo

Ritratto di Redazione contenuti
Versione stampabileInvia per e-mailTrasforma in PDF
Il clima dell'area è riferibile a quello della regione temperata. Questa condizione climatica è resa più favorevole dalla conformazione della Valle Roveto, in cui la riserva è situata, percorsa dall'alto corso del fiume Liri, limitata ad occidente dalla catena dei Simbruini-Ernici, chiusa ad oriente da un crinale montuoso che la separa dalla piana del Fucino, tale esposizione favorevole permette la vita di numerose specie di animali ed inoltre l'escursionista attento percorrendo la linea di cresta potrà imbattersi in un cippo dell'antico confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli, ancora ben conservato.



 

Estensione dell'area

1025 ettari.

Fauna

Orso Bruno, Lince, Cervo, martora, sparviero, Aquila reale, capriolo, Tasso, istrice e molte altre specie

Flora

Fra le tante specie spiccano il faggio, molte specie di orchidee, castagno, quercia e maggiociondolo.

Punti di interesse

Cascata del fiume Schioppo.

Ecomuseo di Grancia.

Faggeta e eremo della M. del Cauto.



Numeri ed indirizzi Utili

Tel 0863978809

Sito Ufficiale

mail: info@schioppo.aq.it



LA RISERVA IN BREVE

 

A forma di ampio anfiteatro morenico, nella parte centrale dell'Appenino Abruzzese, si innesta la valle montana della Riserva Naturale "Zompo lo Schioppo", che occupa una superficie di 1025 ettari interamente ricadente nel comune Marsicano di Morino. La Riserva prende il nome da una cascata che si ammira nei mesi primaverili, che con un salto (zompo appunto) di 80 metri, risulta essere la più alta dell'Appennino tra quelle naturali.

 



 

La Riserva è vicina al bacino della Marsica è collocata in un contesto di aree naturali protette che le conferiscono un'importanza notevole, essa è infatti in diretta connessione con il Parco Nazionale d'Abruzzo e ciò permette a molte specie di animali di potersi spostare all'interno del sistema abruzzese di parchi e riserve utilizzando dei corridoi naturali e sicuri, in quanto protetti.

 

Il clima dell'area è riferibile a quello della regione temperata. Questa condizione climatica è resa più favorevole dalla conformazione della Valle Roveto, in cui la riserva è situata, percorsa dall'alto corso del fiume Liri, limitata ad occidente dalla catena dei Simbruini-Ernici, chiusa ad oriente da un crinale montuoso che la separa dalla piana del Fucino, tale esposizione favorevole permette la vita di numerose specie di animali ed inoltre l'escursionista attento percorrendo la linea di cresta potrà imbattersi in un cippo dell'antico confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli, ancora ben conservato.

 

Posizione

Italia
41° 51' 39.5856" N, 13° 26' 11.8428" E
Immagine mappa: 

Dalla Terza pagina

La chiesa di Santa Maria delle Grazie in Pescina

di Angelo Melchiorre

Tra le fonti antiche, ve n'è una di particolare interesse, ricordata dall'Antinori e risalente all'anno 1120: vi si parla di Berardo,...

La chiesa di S.Vincenzo di Saragozza

di Luciano Del Giudice
Il libro nasce dall’analisi storiografica di una chiesa sita a Carsoli, dedicata a S.Vincenzo di Saragozza,diacono e martire ispanico nato a Huesca in Spagna e morto a...

La musica popolare ai confini tra tradizione e folklore

di Angelo Melchiorre
 
Per parlare di musica popolare, prenderò l’avvio da una canzone dedicata alla città dell’Aquila, una canzone che mi commuove tanto più oggi, quanto più...

Il brigantaggio politico nella Marsica


Per quanto riguarda la situazione politica creatasi nella Marsica subito dopo l'Unità...

La Diocesi Marsa dopo il Concilio di Trento

di Matteo Colli
Il R.mo D. Matteo Colli, per grazia di Dio e della sede Apostolica vescovo dei Marsi [ ... ] davanti a questa Sacra Congregazione [riferisce] sullo stato della Chiesa...

Storia della maga Circe

 Tanti e tanti anni fa, nel centro dell’Italia, nella terra degli orsi, dei lupi, delle linci, dei cinghiali, delle volpi, delle aquile, dei falchi , dei corvi e delle civette...

Il culto dei Santi in un paese dell’entroterra abruzzese: Cerchio

(I parte) Il presente lavoro è nato, (complice l’interessantissimo documento, scritto molto probabilmente nella prima metà dell’800, conservato nel Museo Civico di Cerchio dall’...

Ultimi commenti

La storia è lunga e di guerre ce ne sono state tante tutto questo parlare mi sembra un...
mostra
Egregio signor Tomao presentarsi dopo aver scambiato idee e` solo questione di...
mostra
Signor D'Angelo, cosa crede? Che io abbia paura? Mi chiamo Roberto Tomao, anni 48....
mostra
Egregio Kakkienburg,tre cose 1) anch´io vivo molto lontano dalla Marsica pure avendola...
mostra
Allora affidiamo il nostro futuro alle carote. Amen
mostra
Sono contento che lei, Signor Cacchiemburg, abbia una bella bambina di dieci anni. Ma...
mostra

Approfitta di queste offerte