Piccone: "Risanamento sanità vale da solo un'intera legislatura"

Ritratto di Francesco Vassallo
Versione stampabileInvia per e-mailTrasforma in PDF
risanamento sanità abruzzese

Regione - Un soddisfatto Filippo Piccone commenta raggiante il risanamento della sanità abruzzese: "L’avanzo di bilancio è un obiettivo che, da solo, vale una legislatura. Si tratta di un’impresa riconosciuta come tale a livello nazionale e certificata anche dalle parole con cui il nuovo sub commissario alla sanità Zuccatelli ha riconosciuto la valenza di un lavoro che è semplicemente ridicolo ridurre a mero dato contabile incidentale.

Non soltanto altri prima di noi non ci sono riusciti, ma se ci siamo trovanti di fronte a un’opera di risanamento che pareva disperata è stato proprio a causa degli sprechi e dalle inadempienze coltivate dalle precedenti amministrazioni regionali".

Immancabile una stilettata al Pd: "Ci vuole una gran faccia tosta nel far finta di ignorare le responsabilità gravissime della sua parte politica e cercare di sminuire l’importante successo colto da Chiodi e dal centrodestra in materia sanitaria. Non soltanto abbiamo rimesso in ordine in conti - spiega il Senatore - ma siamo riusciti a farlo senza diminuire alcun servizio e facendo sì che il livello di qualità e quantità delle prestazioni sanitarie non ne risentissero. Nello stesso tempo, poi, abbiamo portato avanti una politica di investimenti mirati che hanno reso possibili nuove assunzioni e lo sviluppo di tecnologie moderne in sanità.

"Se presto provvederemo a ridurre le tasse, poi, sarà esclusivamente grazie a questo processo virtuoso e non certo al disastro in cui altri hanno trascinato l’Abruzzo facendo sì che il governo Prodi, commissariasse la nostra sanità. I grandi mistificatori, ora - conclude il sen. Piccone - vorrebbero lasciare il cosiddetto cerino in mano a Chiodi, cerino che, invece, ha dato finalmente un po’ di luce all’Abruzzo. L’avanzo di bilancio, infatti, ha creato le precondizioni per la rinascita della nostra regione: un dato politico e sociale che non può essere negato e che rappresenta una vittoria per l’Abruzzo, di cui tutti dovremmo essere orgogliosi”.

Ultimi commenti

R.I.P.
mostra
Caro lettore. Sono uno scolaretto perché sto continuando a studiare, dunque hai ragione....
mostra
Articolo autocelebrativo.. sembra fatto da uno scolaretto che vuol dimostrare quanto è...
mostra
caro matteo vieni a vivere a luco e poi ne riparliamo,quello che io vedo tutti i giorni a...
mostra
Ma apparte chiacchiere ci sta ancora un grappolo di palle nella marsica.
mostra
non si vive piu l italia e finita per colpa ki lo governa e noi siamo gli responsabili
mostra

Approfitta di queste offerte