Irregolari e alloggiati in strutture fatiscenti

Ritratto di Marco Ciaffone
Versione stampabileInvia per e-mailTrasforma in PDF

A Luco e Trasacco numerosi cittadini di origine marocchina sono stati trovati senza regolari documenti. Alcuni dormivano in edifici inagibili e degradati

Luco dei Marsi - Stagione estiva, squadre di lavoratori nei campi e flussi di immigrazione si trasformano ormai spessissimo, nel nostro territorio, in degenerazioni quali un sovrannumero di ingressi di cittadini extracomunitari che, spesso tratti in inganno da chi ne permette l'arrivo sul territorio nazionale, si ritrovano disoccupati, clandestini e in situazioni di indigenza.

I carabinieri del territorio marsicano, coordinati dal comando provinciale aquilano, stanno dunque mettendo in atto strutturate azioni volte a contrastare anche la presenza di cittadini extracomunitari che si trovano ad abitare in edifici totalmente fuori norma. In questo senso a Luco dei Marsi una quindicina di militari della compagnia di Avezzano e della locale stazione, supportati da una unità cinofila antidroga e con l’apporto della polizia del paese, hanno individuato sette cittadini extracomunitari di origine marocchina non in regola con il permesso di soggiorno e per questo destinatari di uno specifico provvedimento amministrativo emesso dal Questore di L’Aquila.

Gli stessi, fra l’altro, sono stati denunciati alla procura della Repubblica presso il tribunale di Avezzano perché quando controllati non hanno mostrato un valido documento d’identità. È stato inoltre accertato che cinque di essi dormivano, in una situazione di estremo degrado, in una struttura in fase di realizzazione vicina al cimitero di Luco dei Marsi.

Ovviamente, a riguardo, il sindaco Domenico Palma ha disposto, oltre alla bonifica dell’area, anche l’adozione di idonee barriere volte a precludere l’ingresso abusivo. Inoltre, dato che la struttura in questione fa parte del centro visite della zona archeologica, è stata informata la sopraintendenza per i Beni archeologici. I militari stanno eseguendo, infine, controlli in un'altra decina di alloggi in paese.

Trasacco - Anche nella limitrofa Trasacco sono state avviate le procedure per dichiarare inagibile, da un punto di vista igienico-sanitario, ben cinque casolari dove avevano trovato un precario alloggiamento circa una decina di extracomunitari. A San Benedetto dei Marsi sono circa una decina gli edifici posti sotto la lente dei carabinieri; in uno dei controlli effettuati sono stati individuati due cittadini extracomunitari non in regola con i documenti di permanenza sul territorio nazionale.

Sempre a San Benedetto, è stata contestata una violazione amministrativa al proprietario di un fabbricato che non ha comunicato l'ospitalità alla locale autorità di polizia. Sempre nell'ambito di questa "tornata" di controlli sono state anche sottoposte a fermo amministrativo tre autovetture prive di assicurazione.

 

Ultimi commenti

Il dissesto piú totale è avvenuto con il centrodestra
mostra
Caro Di Cristofano, e affini, sa/sapete cosa umilia ancor di più i lavoratori? Il sapere...
mostra
SALUTI A TUTTI I PARENTI CHE HO A S,BENEDETTO DEI MARSI ,,LE FAMIGLIE CALVARESE ,GRAZIE...
mostra
Caro Giovanni vorrei esprimere tutta la mia solidarietà nei tuoi confronti, ma la realtà...
mostra
Non preoccupatevi adesso ricomincia il campionato, non ci pensiamo più!!!! adesso ci...
mostra
Una testimonianza degna di rispetto ma rispecchia la situazione di decine di migliaia di...
mostra

Approfitta di queste offerte