Spaccio di droga, sei arresti a Luco

Ritratto di Marco Ciaffone

Nell'ambito di un controllo contro il fenomeno degli affitti in nero i carabinieri hanno trovato cocaina e hashish. In manette sei persone di origini marocchine

Luco dei Marsi - I carabinieri di Luco dei Marsi hanno arrestato cinque uomini e una donna di origini marocchine con l'accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti al termine di un'operazione coordinata dal comandante provinciale dei carabinieri di L'Aquila, il colonnello Savino Guarino. Gli arresti sono avvenuti al termine di un controllo del territorio svolto mercoledì notte e volto a contrastare il fenomeno degli affitti in nero di abitazioni in precarie condizioni ad extracomunitari, i quali spesso risultano ufficialmente impegnati nei campi di Fucino per la stagione estiva.

Gli arrestati - Le sei persone arrestate, all'arrivo dei militari, hanno tentato di fuggire e disfarsi di hashish e cocaina. Sono stati tuttavia bloccati e la droga recuperata. Si tratta di S.H. di 21 anni, sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di residenza, non in regola con il permesso di soggiorno, A.H., di 50 anni, sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., non in regola con il permesso di soggiorno, M.K. di 41 anni, domiciliato in Luco dei Marsi, H.B. di 43 anni, non in regola con il permesso di soggiorno, A.M. di 42 anni, non in regola con il permesso di soggiorno, M.E.B. di 43 anni, domiciliata in Luco dei Marsi. Due di loro erano già sottoposti a misura cautelare, rispettivamente dell’obbligo di dimora nel comune di residenza e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per precedenti reati.

I cinque uomini sono stati portati nel carcere di Avezzano mentre la donna in quello di Teramo, tutti a disposizione del pm della procura di Avezzano Maurizio Cerrato.

La droga - Ulteriori sostanze stupefacenti sono state trovate nelle successive perquisizioni domiciliari in via Gallo. In particolare, sono stati trovati circa 10 grammi di cocaina e circa 107 grammi di hashish, oltre a 40 grammi di sostanza da taglio, un bilancino e al materiale tipicamente utilizzato per il confezionamento della droga in dosi. Cinque grammi di cocaina erano stati trovati in un involucro lanciato dalla finestra dell'abitazione. Da lì era partito l'accertamento con l'ingresso in casa, dove la donna del gruppo ha cercato, inutilmente, di nascondersi nel bagno, precisamente dietro alla tenda della doccia.

La particolarità della sostanza usata per il taglio delle dosi, oltre alla similitudine con la cocaina, è data dal fatto che la stessa era già confezionata in involucri termosaldati tipicamente utilizzati per contenere la cocaina e ciò, sicuramente, per spacciarla come tale, in modo da trarre in inganno gli acquirenti. 

L'operazione - In azione nel comune di Luco sono stati una quindicina di militari della locale stazione, di quelle dei paesi vicini e del Nor di Avezzano supportati da un unità cinofila di Chieti. Il servizio è specificatamente mirato a ispezionare gli immobili in cui hanno preso alloggio gli extracomunitari, anche con l’apporto del personale della polizia locale del paese, per verificarne le precarietà dal punto di vista strutturale e igienico-sanitario nonché per accertare la regolarità dei contratti di locazione e il rispetto delle norme che disciplinano gli “alloggiamenti”. In tale contesto circa 15 sono state le abitazioni ispezionate. 

Condividi e approfondisci

Ultimi commenti

Se la Marsica non reagisce contro questi criminali, tra 10 anni saremo in balia sei...
mostra
torna a dormire
mostra
Parte da lontano la disfatta del Crab. d nascondere c e poco, bastava leggere i bilanci x...
mostra
la privacy non c'è in questo caso.
mostra
Immagino sia stato molto bello vederlo esibirsi, ma c'è probabilità che facciano...
mostra
Ben strane presentazioni di programmi, dove il programma resta celato ben sotto la...
mostra

Approfitta di queste offerte