L'intricata matassa di Luco

Ritratto di Marco Ciaffone

Tra le presunte ritorsioni al locale nel quale è iniziata la rissa e gli atti delle indagini che arrivano in procura, rimane da valutare soprattutto la provenienza dell'arma che ha ferito il 22enne luchese, ancora in prognosi riservata

luco dei marsi bar movida rissa accoltellamenti daniele baldassarre

di Marco Ciaffone

Luco dei Marsi - Lo scenario si complica e la situazione diventa sempre più intricata. Non sono finiti a Luco gli strascichi della rissa che domenica mattina è finita con due ragazzi in ospedale, uno dei quali, Daniele Baldassarre, 22enne luchese, colpito da due coltellate.

Innanzitutto, le condizioni del ragazzo, ormai stabili anche se la prognosi resta riservata. Daniele ha ricevuto un primo fendente al petto, che gli ha provocato una forte emorragia costringendolo a tre interventi chirurgici consecutivi, e un secondo nella parte muscolare della schiena, poco sopra i glutei.

Ma la tensione in paese non sembra essersi dissolta con il passare delle ore, anzi. Il padrone del "Movida", il bar nel quale è iniziata la colluttazione, riferisce di aver ritrovato sulla porta d'ingresso, martedì mattina, i segni di una tentata irruzione nel locale (telaio incrinato e vetri infranti) oltre ad alcuni danneggiamenti delle panchine poste all'esterno. "Considero questi atti una vera e propria ritorsione - afferma - perché nelle serata di lunedì sono stato esplicitamente accusato di aver difeso i ragazzi dominicani dando la mia versione dei fatti. Ma io non ho difeso nessuno, ho solo detto quello che ho visto".

Il barista ricostruisce così i primi momenti della vicenda: "I due ragazzi erano seduti al bancone quando sono arrivati i ragazzi di Luco, uno dei quali ha iniziato a provocarli in maniera evidente. Non c'è stata reazione finché uno dei due non è stato spintonato; a quel punto si è alzato e gli ha sferrato un pugno. Nei momenti di tensione che sono seguiti io e altri presenti abbiamo tentato di dividerli, ricevendo anche alcuni colpi, finché non li abbiamo convinti ad allontanarsi. Poco dopo sono arrivati diversi ragazzi di Luco che sono scesi dalle auto con delle mazze, ed è iniziata la rissa".

Rissa la cui dinamica risulta ancora da chiarire in alcuni particolari, soprattutto in merito alla provenienza del coltello che ha colpito il giovane Daniele, accorso sul posto solo in un secondo momento, come riferisce il suo legale Davide Baldassarre. Alcuni testimoni oculari avrebbero affermato che l'arma sarebbe stata strappata dalle mani di uno dei ragazzi italiani. In ogni caso, il dominicano resosi responsabile dell'accoltellamento si sarebbe consegnato ai carabinieri e sarebbe stato rilasciato in attesa delle indagini, mentre il secondo è stato dimesso dall'ospedale, dove è stato medicato per i pesanti traumi riportati al volto e in diverse parti del corpo.

Condividi e approfondisci

Ultimi commenti

Prendiamo atto delle frettolose smentite di Iampieri e Bianchini, quasi al alzare un muro...
mostra
Veramente una brutta notizia! Un caro amico oltre che un preparatissimo professionista....
mostra
L'avete votata questa splendida amministrazione? Ora ve la tenete...
mostra
a cosa serve cambiare la viabilita??cambiate le leggi e piuttosto e impedite che ci...
mostra
COMPLIMENTI ALLA NOSTRA CONCITTADINA E IN BOCCA AL LUPO
mostra
Non solo l' amministrazione politica va menzionata e bacchettata per questi...
mostra

Approfitta di queste offerte