Versione beta. Presto saranno attivi tutti i servizi.

Carsoli, villette con calcestruzzo scadente

Ritratto di Gianpaolo Campania

La Procura della Repubblica dell’Aquila sequestra sei abitazioni a schiera in località “Le Valli” a Carsoli. L’operazione si inserisce nell’ambito dell’inchiesta sulle macerie dell’Aquila che ha coinvolto anche il comune di Magliano dei Marsi.

Carsoli – Sequestrate sei villette a schiera in località “Le Valli”. Dopo l’inchiesta che aveva portato all’arresto del sindaco di Magliano, Gianfranco Iacoboni e dell’assessore Angelo Iacomini oltre ai titolari della ditta di calcestruzzi, Franco e Sergio Celi, poi scarcerarti dal tribunale del riesame, la Procura della Repubblica dell’Aquila aveva disposto un test di sicurezza sulla qualità dei materiali utilizzati nelle diverse costruzioni in questione.

I risultati del perito, dopo le prove di schiacciamento effettuate sui quegli stessi materiali, hanno evidenziato una resistenza inferiore rispetto ai normali valori di progetto. Di conseguenza, la qualità certificata è più scarsa rispetto a quello che i criteri prevedono per gli edifici di civile abitazione.

Calcestruzzo scadente al di sotto degli standard qualitativi rispetto all’impiego, dunque. Le normative sulla ricostruzione in tal senso potrebbero prevedere diverse opzioni come la dequalificazione delle opere, lavori di consolidamento oppure, in ultima analisi, la demolizione.

ARTICOLI CORRELATI

Commenti da Terre Marsicane

Ritratto di Utente anonimo
Utente anonimo (non verificato) on 19 Maggio, 2012 - 09:17

uno può farsi fare il progetto antisismico quanto vuole, ma se poi i costruttori per un minimo guadagno in più utilizzano materiale scadente serve a ben poco. Questa cosa deve far riflettere, ci vogliono più controlli delle forze dell'ordine e soprattutto della Guardia Di Finanza nei cantieri, sia per controllare la qualità dei materiali che per controllare le ditte che spesso e volentieri non sono in regola. Spero vivamente che questo sia solo il primo passo verso qualcosa di più esteso soprattutto in una zona sismica come la Marsica e dintorni. Non facciamo che come sempre piangiamo i morti e poi si fanno inchieste inconcludenti che non fanno cambiare nulla!!

Ritratto di Utente anonimo
Utente anonimo (non verificato) on 27 Maggio, 2012 - 01:35

ottimo commento, sono pienamente d'accordo con ciò che dici. dopo ciò che hanno subito questa è la beffa più cattiva che potessero tirare alla propria gente, si vergognino maledetti.

Aggiungi un commento

Messaging plain text

  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
Antispamming
Questo test serve a determinare che sei una persona e non un programma.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.