Avezzano 2012: tutti i numeri e le percentuali

Ritratto di Marco Ciaffone
giovanni di pangrazio italo cipollone terremarsicane ballottaggio avezzano

Avezzano - Il primo turno si chiude senza vincitori definitivi e l'appuntamento elettorale, per gli avezzanesi, si rinnova al 20 e 21 maggio per il ballottaggio che vedrà opposti il candidato del centrosinistra Giovanni Di Pangrazio e quello del centrodestra Italo Cipollone. I due, comunque, sono molto staccati nelle percentuali di voto emerse dalle giornate di domenica e lunedì; Di Pangrazio ha infatti totalizzato 11.908 voti, pari al 45,5% del totale, a fronte degli 8.868 di Cipollone, che si ferma così al 33,9%.

Tuttavia, in queste due settimane i fari saranno puntati anche sugli altri candidati che hanno ora la possibilità di far pesare le seppur relativamente basse percentuali di consensi raccolte. È il caso di Lorenzo De Cesare, che raccoglie 1.231 voti (4,7%). Subito dietro Nazzareno Di Matteo, votato da 1.075 elettori (4,1%). Pierpaolo Rubeo si piazza al 3,8% a fronte delle 1.001 preferenze ricevute, scavalcando Iride Cosimati (936 voti e 3,7%) e Valeria Feragalli, che ottiene 769 voti (2,9%). Mario Spallone raccoglie invece 370 preferenze, fermandosi all'1,4%.

La lista più votata è quella del Popolo delle libertà, che mette insieme 4.042 preferenze, pari al 15,9%. Qui sotto il dettaglio analitico del voto

ARTICOLI CORRELATI

Amministrative Comune di Avezzano 2012 - dettaglio analitico del voto

Ritratto di Luigi Todisco
 

Di seguito puoi scaricare i dettagli analitici del voto  (fonte Comune di Avezzano)

riepilogo preferenze

Avezzano: sintesi sulle preferenze

Ritratto di Roberto Cipollone

Avezzano - Prime evidenze dall'analisi dei voti di preferenza sui singoli candidati. Il più votato ad Avezzano è Domenico Di Berardino, del Partito Democratico, che ha ottenuto 422 voti; decisivi nel caso specifico i due seggi di Paterno, in cui Di Berardino ha collezionato 140 preferenze.

Al secondo posto si piazza un candidato del PdL, Claudio Tonelli, l'unico ad aver sfondato quota 400 voti assieme a Di Berardino; la distribuzione geografica delle sue 405 preferenze è del tutto omogenea all'interno delle 48 sezioni avezzanesi. Terza piazza per Lino Cipolloni, PdL, Presidente del Consiglio Comunale uscente; per lui 379 preferenze, di cui 47 nella sola sezione di Via Toscana (Casa di riposo).

Di seguito la graduatoria dei primi 26 candidati per numero di voti raccolti. La lista è ovviamente priva di qualsiasi valenza elettorale, ma ha puro valore di notazione statistica; l'esatta determinazione dei nuovi consiglieri dovrà infatti seguire necessariamente le sorti del ballottaggio del 20 e 21 maggio.

Primi 26 candidati per numero di voti (dati ufficiosi - Comune di Avezzano)

 

Passando invece al dettaglio per lista si nota la preponderanza dei partiti maggiori, PD e PdL su tutti, a cui si affiancano soprattutto i nomi della lista "Per Avezzano", in appoggio al candidato sindaco Giovanni Di Pangrazio. Questo l'elenco dei candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze all'interno di ciascuna lista (il numero affianco al candidato identifica proprio la lista di appartenenza).

Primi candidati per numero di voti all'interno di ciascuna lista (dati ufficiosi - Comune di Avezzano)

riepilogo preferenze

ARTICOLI CORRELATI

Ballottaggio: la parola ai protagonisti

Ritratto di Marco Ciaffone
cipollone di pangrazio ballottaggio avezzano 2012

di Roberto Cipollone e Francesco Vassallo

Avezzano - È raggiante, Giovanni Di Pangrazio. Guarda con orgoglio quel 45,5%, la percentuale di preferenze ottenute in questo primo turno delle amministrative avezzanesi. E in fondo pensa che il ballottaggio in programma il prossimo 20 e 21 maggio rischia di ridursi a una mera formalità: “Si tratta di un successo strepitoso - afferma  - sono felicissimo. Gli oltre tremila voti in più rispetto al candidato di centrodestra rappresentano una sonora bocciatura per il Pdl ed allo stesso tempo un importante segnale di fiducia per una candidatura tecnica come la mia”.

Il Popolo della libertà di Avezzano ha seguito il trend nazionale, che vede il “partito del predellino” ampiamente fuori gara in quasi tutte le città: “Di sicuro Cipollone ha pagato lo scotto di questo contesto, in quanto il Pdl si è liquefatto nel momento di maggior bisogno degli italiani. Ma ci tengo a sottolineare la componente locale e specifica di questi risultati: ritengo, infatti, sia stata premiata la mia maggiore competenza tecnica e amministrativa rispetto al candidato di centrodestra”.

La sicurezza di Di Pangrazio non sembra turbata neanche a fronte del valzer delle alleanze al quale si apprestano a prendere parte i candidati: “La questione non mi preoccupa assolutamente. Due liste hanno rifiutato in partenza l’appoggio al Pdl, mentre le altre sono ideologicamente lontane anni luce da loro. Vado avanti con la massima serenità: il ballottaggio non mi fa assolutamente paura”.

Ma Italo Cipollone, da parte sua, non fa drammi analizzando il risultato delle urne: “E’ vero che il Pdl ha ceduto diversi punti in questa tornata elettorale, ma il calo registrato ad Avezzano è più contenuto rispetto al resto d’Italia. Si tratta comunque di un risultato che ci aspettavamo, abbiamo ottenuto quanto atteso”.

Cipollone, a differenza del suo avversario, assegna alla componente personale un peso relativo per quanto riguarda il primo turno: “Dall’analisi del voto non emerge una maggiore o minore preferenza per i due candidati sindaci: la percentuale di consensi è strettamente legata al numero di liste. Sono state queste ad essere premiate, e non i singoli aspiranti a primo cittadino”.

Tuttavia, nel dirsi “tranquillo”, il candidato del centrodesta dipinge un cambio di prospettiva per il ballottaggio: “La differenza di dodici punti non ci preoccupa, perché è qui che conta quel profilo personale appena menzionato. Il ballottaggio non si vince con le liste, ma con la risposta al singolo candidato sindaco. Si ricomincia da zero, e il risultato della prima tornata non influirà, proprio perché il voto è legato alla persona del candidato sindaco. Avezzano è una città di centrodestra - conclude - e siamo tranquilli del nostro recupero”.

Ora tocca ai candidati "minori" alzare la tensione scegliendo quale candidato appoggiare tra due settimane.

 

Di Matteo: "Non appoggeremo nessuno"

Ritratto di Roberto Cipollone

Nazzareno Di Matteo: "Sono molto soddisfatto del risultato della lista e del voto disgiunto per Nazzareno Di Matteo sindaco. In caso di ballottaggio, non appoggeremo nessuno dei due contendenti: con questi gruppi non si può realizzare la nostra idea di città aperta e libera, non si può raggiungere l'obiettivo della sussidiarietà che premia il buon lavoro e non le clientele".

L'ADC per un accordo etico

Ritratto di Roberto Cipollone

Sandro Stirpe, segretario regionale dell'ADC, il partito con Lorenzo De Cesare candidato sindaco, ha espresso la propria soddisfazione per il "buonissimo" risultato raggiunto: "La città ha apprezzato la nostra proposta, nell'eventuale ballottaggio conterà, per avere il nostro appoggio, il contenuto del programma per l'amministrazione di Avezzano. Preciso che ci piacerebbe sottoscrivere, con la coalizione che ci proporrà l'alleanza, un accordo etico: per il bene della città i soggetti eletti nella minoranza non dovranno in nessun modo, nel corso degli anni, poter entrare a far parte della squadra di governo".

Rubeo: "Risultato trionfale, quasi un'impresa"

Ritratto di Roberto Cipollone

Pierpaolo Rubeo: "Se questi dati dovessero essere confermati, l'Unione dei Marsi farebbe un ingresso quasi trionfale nella politica cittadina, tenendo conto della forza elettorale e non degli altri contendenti. Abbiamo quasi fatto un'impresa, se ci sarà un ballottaggio dovremo ragionare sulle alleanze in base al nostro risultato elettorale definitivo".

Aggiungi un commento

Messaging plain text

  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
Antispamming
Questo test serve a determinare che sei una persona e non un programma.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

on line tra:

My network