Tra Oricola e Avezzano: le vostre segnalazioni

Ritratto di Marco Ciaffone
Versione stampabileInvia per e-mailTrasforma in PDF

Foto dal mercato, le richieste di controlli nei locali per evitare i danneggiamenti alle auto in sosta e il rammarico per la chiusura di una scuola

mercato avezzano piazza torlonia

Marsica - Anche questa settimana ci sono giunte diverse segnalazioni sui "disagi urbani" dei lettori marsicani.

Ci scrive ancora Mario Verde, che aveva lamentato la mancanza di un passaggio garantito ai mezzi di soccorso durante il mercato del sabato, ad Avezzano, così come prevede il regolamento. Stavolta allega anche le foto "dalle quali si vede come il passaggio sia inesistente e le tende delle bancarelle siano legate alle case prossime alle bancarelle stesse".

Dal mercato alla discoteca, diversi i giovani che ci scrivono in merito a furti e danneggiamenti che avvengono nel fine settimana a danno delle auto parcheggiate vicino ai locali della "movida avezzanese". Vetri sfondati, oggetti di ogni tipo sottratti e anche qualche "invito" a farsi i fatti propri rivolto dai responsabili dei reati ai passanti. La richiesta è semplice: sevizi di vigilanza nei pressi dei locali in questione.

Ci spostiamo verso ovest per raccolgiere la lettera che arriva da Oricola con mittente Mssimiliano Sciò: "Il futuro ha un cuore antico, diceva Carlo Levi.E aveva ragione. Mi arrivano notizie riguardo alla chiusura dele scuole elementari nel paese. Quando chiude una scuola o una librerai è sempre un brutto segno di decadenza e di mancanza di rispetto. Una sorta di fallimento della cultura. Una scuola va rilanciata, rimodernata e pubblicizzata: mai chiusa. In una scuola i ricordi del passato e le speranze per il futuro s'intrecciano, diventando così il mastice per una buona e sana cultura. Una scuola di montagna, poi, ne ha di ricordi da vendere, di mostre da organizzare. Faccio l'esempio di un piccolo paesino vladostano, che frequento, Saint Nicolas, dove la scuola elementare è punto d'incontro, della comunità montana, organizza modstre fotografiche e invita ad iscrivere le famiglie dei paesi vicini. Spero che succeda lo stesso ad Oricola. Il passato si tiene in vita con il presente".

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni usando questo link.

Allegati
ARTICOLI CORRELATI

Ultimi commenti

continua così consigliere rosa, era ora.
mostra
La storia è lunga e di guerre ce ne sono state tante tutto questo parlare mi sembra un...
mostra
Egregio signor Tomao presentarsi dopo aver scambiato idee e` solo questione di...
mostra
Signor D'Angelo, cosa crede? Che io abbia paura? Mi chiamo Roberto Tomao, anni 48....
mostra
Egregio Kakkienburg,tre cose 1) anch´io vivo molto lontano dalla Marsica pure avendola...
mostra
Allora affidiamo il nostro futuro alle carote. Amen
mostra

Dalle nostre vetrine

Approfitta di queste offerte