Scontro al bivio, auto nel canale | Foto

Ritratto di Marco Ciaffone

Un incidente tra due mezzi a Borgo Ottomila. Una Ypsilon finisce in acqua, la ragazza alla guida priva di sensi. Decisivo l'intervento di un altro automobilista

Celano - È stato spesso definito "incrocio della morte" il bivio che porta a Borgo Ottomila. Un triste appellativo figlio del gran numero di incidenti verificatisi in quel tratto di strada. Mercoledì, alle 7.30, l'ennesimo scontro, e la tragedia è stata evitata per un soffio.

Una Lancia Ypsilon con a bordo tre ragazze, dipendenti Micron, viaggia verso Avezzano, quando una Ford Focus, proveniente da Celano, la travolge facendola finire nel canale. L'auto inizia a scivolare nella fanghiglia; due delle ragazze riescono ad uscire dalla vettura, ma la terza, al volante, resta intrappolata priva di sensi. Un automobilista entra così in acqua e riesce fortunatamente a tirarla fuori.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della radiomobile di Avezzano e i soccorritori del 118, aiutati in un secondo momento dai militari della stazione di cerchio. Per la proprietaria della Ypsilon, trasferita in ospedale, la prognosi è di dieci giorni. L'auto è stata invece recuperata dai vigili del fuoco. 

 



Commenti da Terre Marsicane

Ritratto di Utente anonimo
Utente anonimo (non verificato) on 24 Aprile, 2012 - 01:57

LA CONDUCENTE DELLA VETTURA INVESTITRICE SEMBRA CHE ABBIA DICHIARATO CHE NON SI E' ACCORTA DELLO STOP PERCHE' STAVA TELEFONANDO.
SE CONFERMATA QUESTA DICHIARAZIONE, COSA RISCHIA LA COLPEVOLE DI QUESTA TRAGEDIA SFIORATA ?
MASSUCCI AUGUSTO, PARENTE DI UNA DELLE RAGAZZE INVESTITE.rbBT

Aggiungi un commento

Messaging plain text

  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
Antispamming
Questo test serve a determinare che sei una persona e non un programma.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.