Paola Nardecchia

Ritratto di Redazione contenuti
Versione stampabileInvia per e-mailTrasforma in PDF

Nardecchia Paola, studia ed insegna Storia dell’Arte in un liceo classico statale.  Abruzzese d’adozione, vive a Roma, ove studia ed insegna Storia dell’Arte in un liceo classico statale. È anche mamma di due figli.
La ricerca scrupolosa, condotta in archivi e biblioteche, e le tenaci ricognizioni effettuate da anni nell’Abruzzo aquilano, sostengono il suo “occhio”, capace di individuare artisti poco noti, calati sempre in ampi contesti di riferimento.
Il libro Pittori di frontiera. L’affresco quattro-cinquecentesco tra Lazio e Abruzzo, edito nel 2001 per l’Associazione Culturale Lumen (onlus), con la quale strettamente collabora, è ricco di novità storiche ed attributive.
 
Proficua è stata finora la collaborazione con le associazioni e gli istituti culturali dei comuni di Arsoli (per la cui Pro-loco ha stampato nel 2000 Il Maestro di Arsoli. Un pittore sublacense tra quattro e cinquecento), di Pereto e di Subiaco, relazionando in conferenze, tra le quali ricordiamo quella sulla scultura del Vesperbild a Camerata Nuova, discussa nel 1999 nell’abbazia di Santa Scolastica in occasione del convegno: L’iconografia mariana nella diocesi sublacense, e i cui atti ancora attendono la stampa.
 
Interessante è stato il suo recente intervento del 2003 nell’incontro di studi sull’iconografia di Cristo nel territorio intorno a Carsoli. È in corso la pubblicazione di due nuovi lavori sugli affreschi e le opere d’arte mobili nelle chiese di Sant’Orante di Ortucchio e di Santa Maria delle Grazie a Rosciolo, presso Magliano dei Marsi.
 
Uscirà a breve un articolato contributo sulla figura dell’ispettore onorario di antichità e belle arti Giacinto de Vecchis Pieralice, operante a fine Ottocento nel Carseolano, in quell’ancora oggi prezioso territorio di confine tra Abruzzo e Lazio
.

Dalla Terza pagina

La leggenda del Fucino

Narra una leggenda che, al tempo dei tempi, nella vasta conca del Lago Fucino, esisteva una grande ed operosa città chiamata Marsia. A Marsia, un giorno, nel bel mezzo...

Benedetto D'Amore

di Fiorenzo Amiconi

 (1807/1898)  Il 17 Giugno 1807, nasceva a Cerchio; da Giuseppe e da Beradina Santoro Benedetto D’Amore, medico, scrittore e sindaco di Cerchio....

La Zurla (cap. IV)

Costruzione dei giocattoli. ARCH’ Letteralmente arco.
Veniva costruito in questo modo. Si prendeva un flessibile ramo di albero (ciliegio o altra...

La Famiglia de Montanea

Le vicende di una nobile famiglia del Carseolano in una pergamena del 1346 Subiaco: Monastero di Santa Scolastica, a Subiaco 1985.

...
Le origini e la storia di una banda "strapaesana"

di Adelmo Polla

Per tracciare un quadro il più veritiero possibile sulla banda di Cerchio occorrerebbero notizie e documenti di prima mano che, purtroppo, non ci...

Il terremoto del 1703 e la quarta ricostruzione dell’Aquila

di Orlando Antonini
 
(I parte) Del sisma del 2 febbraio 1703, il quarto di carattere distruttore nella storia dell’Aquila, sappiamo molto più rispetto agli...

Magie e culti controluce*

di Alfonso M. di Nola

Ancora quest'anno, nella folla di contadini, pastori e operai che circondava la statua di S. Domenico dei Serpenti, a Cocullo, nell'esterno...

Ultimi commenti

"A fa belle foto a Rocca Calascio só boni tutti!"
mostra
Evviva i capo reparto !!!! Evviva i capoccetti di merda !!!!!! Ecco i risultati.
mostra
RINGRAZIO LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO ALLA...
mostra
Prego chi era presente e ha visto la macchina o qualche dettaglio per individuare il...
mostra
Signor Palermini, non la conosco, ma vorrei esporre comunque la mia opinione rispetto a...
mostra
Stimata A.S. grazie per la tua presa di posizione. AICE, l'Associazione Italiana...
mostra

Approfitta di queste offerte