Terre Marsicane
La voce della Marsica

Grande successo a Collelongo per il concerto della Corale “Luigi Pisegna”

Collelongo – In una piazza della chiesa, gremita all’ inverosimile e con diversi momenti intensi e commoventi, la Corale “Luigi Pisegna”, diretta dal M° Antonio Sucapane e presieduta dal Dott. Clelio Guanciale, ha tenuto il “concertone” in occasione del 25° anno della fondazione. Questi i membri:

Fisarmonicista: Nicola Lippa
Organista: Simone Salucci
Tenore solista: Daniele Carone
Presentatrice: Adele Bellisario
Soprani: Bellisario Adele,Ceccarelli Lidia,Cesta Daniela, Cesta Fedora Cesta Giovina, Mastrella Maria, Pisegna Ester, Rossi Arcangela, Sansone Maria Chiara.
Contralti: Corona Angel,a Grande Immacolata, Ranalli Franca, Salucci Letizia.
Tenori: Ciuffetta Angelo, Guanciale Domenico, Pisegna Carlo, Rossi Gaetano.
Bassi: GrandeDante, Guanciale Clelio, PisottaEmilio.

Nel 1992, sotto il patrocinio della Pro-Loco di Collelongo, presieduta da Elena Sucapane e supportata dal dottor Clelio Guanciale, allora sindaco del paese, si è riunito un gruppo di persone desiderose di riscoprire, rivalutare e divulgare il patrimonio poetico e musicale collelonghese ed abruzzese. L’iniziativa, che nel giro di pochi anni ha collezionato meritati successi, ha portato alla nascita dell’Associazione Corale “Luigi Pisegna” di Collelongo costituitasi con atto notarile ed iscritta all’A.R.C.A. (Albo Regionale Cori Abruzzesi), alla FE.N.I.A.R.CO. (Federazione Nazionale ItalianaAssociazioni regionali Corali) ed alla F.I.T.P (Federazione Italiana Tradizioni Popolari) ed inizialmente composta da 60 persone.

La Corale è guidata dal presidente Clelio Guanciale ed è diretta dal Maestro Antonio Sucapane, diplomato presso il Conservatorio Musicale “A. Casella” di L’Aquila. Oggi La Corale è composta da 25 persone ed è accompagnata da un fisarmonicista e da un tastierista. Il costume dei coristi si ispira ai tipici abiti indossati dalla popolazione collelonghese (fine 1700), ed è stato realizzato dopo un’accurata ricerca effettuata presso l’Archivio di Stato di Napoli dal Prof. Francesco Belmaggio. Il repertorio della Corale spazia dalla musica sacra, liturgica, classica, alla musica profana, popolare (collelonghese, abruzzese e italiana), natalizia e canto a cappella ( cioè senza l’ausilio dello strumento musicale).

I canti collelonghesi sono stati elaborati ed adattati secondo un gusto corale polifonico che intendono apportare un contributo alla riscoperta delle radici di cultura musicale del paese. Le canzoni popolari di Collelongo appartengono a poeti (Pasquale Cianciusi, Giuseppe Casciere e Walter Cianciusi) e sono state musicate da un compaesano, il compianto Maestro Luigi Pisegna a cui la Corale è stata intitolata. I brani del repertorio corale vengono eseguitia 4 voci, alcuni anche a 6 voci. Nel corso di questi anni il presidente della Corale, Clelio Guanciale, ha scritto tre canzoni inedite collelonghesi la cui musica è stata composta dal Maestro Antonio Sucapane, direttore del coro ( i giogh’ d’navota, a’ i cor’ d’i cor’ d’chellonghe, i paes’ do’sem’ nat). Inoltre il Maestro ha realizzato, arrangiato ed elaborato 5 Canzonieri.

L’ Associazione Corale ha riscoperto il famoso canto religioso paesano del “TE DEUM” che viene cantato il 24 Dicembre alla Messa della Novena di Natale ed il 31 Dicembre al vespro della sera; il canto è stato rielaborato ed arrangiato dal M ° Antonio Sucapane; ed ancora, ha rielaborato tutti i brani della messa di Natale che vengono cantati il 24 dicembre alla Messa della Notte. L’associazione ha collaborato con le Corali Abruzzesi alla realizzazione di CD e MC (doppio volume) compilation di canti abruzzesi incisi dalla casa discografica “Il Vecchio Mulino” di Lucca. Ha inoltre registrato un CD “La Messa di Natale di Collelongo” (un progetto di recupero culturale di opere di musica religiosa) in collaborazione con Gianni Salucci, presidente dell’Associazione “Nuova Riforma Agraria” di Collelongo.

Oltre ad esibizioni a tutti i livelli, l’Associazione Corale “Luigi Pisegna”, nel novembre 2006, ha avuto l’onore di cantare nella Basilica di San Pietro in Vaticano (Roma), durante la Santa Messa e, nel giugno 2008, presso la Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola ad Assisi (PG). A dicembre 2011 l’Associazione Corale è stata invitata, insieme ad altri Cori al “Concerto di Natale della Coralità di Montagna”, presso l’Aula di Montecitorio, Camera dei Deputati (Roma), dove il gruppo ha avuto l’onore di rappresentare l’Abruzzo. Alla manifestazione hanno partecipato le Coralità di undici regioni Italiane. L’esibizione è stata particolarmente apprezzata dai presenti. Il Maestro Antonio Sucapane dopo aver diretto la Corale, ha partecipato anche come solista insieme con alcuni cantanti di altri Cori, all’esibizione della“Montanara” che rappresenta il canto finale e viene eseguita a cori riuniti.

Sono intervenuti, fra gli altri, il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, il Senatore Abruzzese Franco Marini e l’organizzatore della manifestazione, l’Onorevole Erminio Angelo Quartiani. L’evento è stato trasmesso in diretta sul canale satellitare della Camera dei Deputati visibile su Sky e replicato anche su Rai tre proprio il giorno di Natale. Il Presidente Clelio Guanciale ha sottolineato: “Abbiamo vissuto questo momento così solenne e qualificante per il nostro Coro, questa esibizione dentro l’Istituzione più alta della nostra Nazione ha definitivamente consacrato la Corale tra le più affidabili della regione, siamo orgogliosi di far conoscere Collelongo, il nostro paese, sempre più ad alti livelli”.

E’sempre stata particolarmente sensibile ai problemi sociali, collaborando ed offrendo le sue prestazioni con associazioni ed enti aventi scopi umanitari. “Un grazie a tutti coloro che con la loro presenza, il loro impegno e soprattutto con la passione per il canto hanno consentito a che questa associazione divenisse una realtà e proseguisse il suo cammino giungendo, a distanza di 25 anni, a tramandare di generazione in generazione la cultura nonché le tradizioni di un popolo che trovano nel canto la loro forma di espressione”.

Commenti