Terre Marsicane
La voce della Marsica

Festiv’Alba fa il bis: chiesa di San Pietro gremita per l’esibizione della giovanissima Masha Diatchenko

Dopo il sold out registrato in occasione del concerto inaugurale della rassegna, anche il secondo appuntamento con Festiv’Alba è stato un successo di pubblico

Massa D’Albe. Dopo il sold out registrato in occasione del concerto inaugurale della rassegna, anche il secondo appuntamento con Festiv’Alba è stato un successo di pubblico. All’interno dell’affascinante chiesa medievale di San Pietro, infatti, la giovanissima Masha Diatchenko, dopo il debutto al Teatro Carlo Felice di Genova, ha intrattenuto i presenti con una prestazione di rara eleganza e personalità. Circa un’ora e un quarto la durata della sua esibizione, durante la quale ha potuto mettere in mostra uno Stradivari del 1687, deliziando, così, la platea con le note senza tempo di Bach, Bartok e Paganini.

“La grande presenza di spettatori anche questa sera testimonia l’ottimo lavoro fatto dal maestro Massimo Coccia, direttore artistico della manifestazione” – afferma un sorridente Pino Franceschini, presidente di Harmonia Novissima – “siamo soddisfatti di come il pubblico si stia rapidamente avvicinando al nostro festival che, giorno dopo giorno, cresce in visibilità. La strada è quella giusta” – conclude. Classe 1994, la Diatchenko ha riscosso il primo successo all’età di soli cinque anni, esibendosi come pianista nel recital M° Ennio Morricone all’Aula Magna dell’Università “La Sapienza di Roma”. Diplomatasi all’età di 12 anni, la giovane artista è stata la prima violinista dodicenne al mondo ad eseguire 24 capricci di N. Paganini dal vivo in un unico concerto. Le è stata, inoltre, assegnata nel 2015 una borsa di studio istituita dalla Presidenza della Repubblica in memoria di Giuseppe Sinopoli, ma annovera nel suo curriculum un’ infinità di successi. Un talento senza eguali che concentra la propria attività concertistica soprattutto in Europa e in Russia, terra con cui detiene un forte legame familiare. “E’ bello suonare in Italia, nella patria del violino” – commenta la giovane musicista – “Era la prima volta che suonavo in questa bellissima chiesa. Potersi esibire davanti ad un pubblico così attento è davvero una gioia per noi musicisti. Prometto che tornerò” – conclude visibilmente soddisfatta.

Il prossimo appuntamento è per sabato 22 luglio ore 21.15, quando ad esibirsi sarà l’Ensemble “Roma Barocca” con “Si suoni la tromba”.

Notizie in dettaglio su http://www.festivalba.it
Biglietti al Punto Informativo di C.so della libertà aperto dal lun al ven h 18-19,30 – martedì e giovedì h 10-12

Foto di Marco Di Gennaro

Commenti