Terre Marsicane
La voce della Marsica

Da San Pietroburgo ad Avezzano: “Il lago dei cigni” incanta il Teatro dei Marsi

Avezzano. Direttamente da San Pietroburgo, il balletto più famoso al mondo, “Il Lago dei Cigni” è giunto sul palcoscenico del Teatro dei Marsi per la Stagione Musicale 2017/2018, registrando l’ormai consueto tutto esaurito e incantando il pubblico presente con la grande tradizione del balletto classico russo. A portarlo in scena il Balletto di San Pietroburgo “Classical Ballet Tradition”, anticamente “Balletto sul Neva”, storica compagnia fondata nel 1877 nella città russa, che con i suoi 38 ballerini, provenienti dalle migliori accademie di danza russe e vincitori di numerosi concorsi internazionali di balletto, ha riprodotto in maniera a dir poco sublime l’opera in quattro atti musicata magistralmente da Petr Il’ic Tchaikowsky, sulle coreografie di Marius Petipa, ottenendo un vasto consenso da parte degli spettatori, dai più anziani ai più piccini, rapiti dal fascino e dall’atmosfera lunare che ha accompagnato l’apparizione di Odette, per il doppio ruolo di Odette – Odile, cigno bianco e cigno nero e per l’eterna lotta fra il Bene e il Male.

La trama, decisamente romantica, racconta la storia della principessa Odette che un perfido sortilegio del malefico mago Rothbart, a cui la principessa ha negato il suo amore, costringe a trascorrere le ore del giorno sotto le sembianze di un cigno bianco. La maledizione potrà essere sconfitta soltanto da un giuramento d’amore. Il principe Sigfrid si imbatte nottetempo in Odette, se ne innamora e promette di salvarla. Ad una festa nella reggia di Sigfrid il mago presenta sua figlia che ha assunto le sembianze di Odette al principe che, convinto di trovarsi al cospetto della sua amata, le giura eterno amore. A quel punto il mago rivela la vera identità della fanciulla e Odette, destinata alla morte, scompare nelle acque del lago. Sigfrid, disperato, decide di seguirla: è proprio questo suo gesto a rompere l’incantesimo consentendo ai due giovani innamorati di vivere per sempre felici.

Ma fiori all’occhiello della serata sono stati i giovani Ernest Latypov, primo ballerino del glorioso Teatro Mariinskji di San Pietroburgo e Miho Naotsuka, prima ballerina del Teatro Mikhailovsky di San Pietroburgo e solista del Balletto di Tokyo, che a gran sorpresa e in maniera inaspettata anche per l’associazione Harmonia Novissima, si sono esibiti al Teatro dei Marsi, rendendolo prestigioso quanto i grandi teatri europei nei quali la loro presenza insieme al Balletto Russo è stata circoscritta a soli tre eventi.

Foto e video a cura di Manuel Conti

Commenti