Commenti recenti

Smart Box replica alla Federconsumatori e assicura massima tutela ai Consumatori

PESSIMI!!!!!!!! ho fatto l'ordine per la sostituzione nei termini. sono giorni che scrivo mail, i due fax non funzionano e al numero 199 ormai ho speso più di 15,00. ho pagato con carta di credito e NON MI E' ARRIVATO NULLA DAL 26 maggio (oggi siamo al 4 giugno) SONO SCHIFATA E FARO' LA MIA PEGGIOR PUBBLICITA' PER QUELLI DELLA SMART BOX.
Visualizza anche commenti Facebook

Leoncini d'Abruzzo: ruggito oltre frontiera

immensamente grazie ragazzi siete il nostro orgoglio.
Visualizza anche commenti Facebook

Avezzano, eternit a cielo aperto

Ci sono tante situazioni del genere, in città. Sembra proprio, però, che non interessi a nessuno....
Visualizza anche commenti Facebook
Se si va in giro per Avezzano periferia,frazioni e zone pedemontane come fanno tanti "camminatori",di coperture in amianto esistenti ce ne sono tantissime,anche se non fatiscenti ( speriamo non li diventino). Perché attendere che sia la coscienza e il buon senso dei cittadini proprietari di queste coperture a bonificarle e ,al contrario,non monitorare il territorio con un aereo che fotografi la situazioni e si interventi facendo carico ai proprietari di mettersi in regola ? Già, quante "cose" chiediamo ad un sindaco che di fastidiose cose da sistemare forse ne ha tante ! Il qualunquista
Visualizza anche commenti Facebook

Cna: mettere in rete varie professionalità

Colgo l'invito che mi pare essere arrivato dai nuovi commenti, io sono geometra, mi chiamo Marco Bisegna, risiedo a Capistrello e rispondo al telefono 335/5381811, sono a casa solo il sabato poichè lavoro in Emilia Romagna. Avndo aderito al codice etico della Cooperativa della quale mi onoro di essere socio, non posso prestare la mia opera per fini di lucro ma solo per scopi sociali e divulgativi nel tempo libero e previa approvazione dei miei diretti responsabili. In fede Marco Bisegna
Visualizza anche commenti Facebook
Gentile utente, esca dall'anonimato, ci contatti e vedremo se possiamo mettere "in rete" anche la sua competenza nell'interesse delle imprese. Saluti.
Visualizza anche commenti Facebook
Nel voler ringraziare i moderatori del sito, per la consueta trasparenza e onestà intellettuale, vorrei se possibile integrare, il mio precedente commento spero non offensivo per nessuno, solo riflettente una amarezza per la situazione attuale delle aziende; nello specifico: Lavoro nel settore edile e svolgo mansioni di RQSA per una grande Società operante soprattutto nel nord Italia, la mia professione mi porta a confrontarmi con aziende medio-piccole che per poter accedere nei cantieri dove noi svolgiamo attività di General Contractor (Società Affidataria) devono obbligatoriamente ottemperare ad alcuni obblighi normativi e di legge, mi riferisco nello specifico alla documentazione attestante i Requisiti Tecnico Professionali, I dettami Siscuristici e le Evidence di Professionalità. Nella stragrande maggioranza dei casi rilevo che le Società appaltatrici o subaffidatarie assistite dalle varie assiciazioni di categoria, riscontrano grosse difficoltà nella corretta compilazione della modulistica di sistema e soprattutto un approssimativo collazionamento di pratiche formali. Spero che le associazioni di categoria applichino un'azione sinergica non solo sulla parte iniziale (o formativa) delle aziende, ma integrino la loro assistenza con fattivi controlli periodici volti alla sensibilizzazione e alla formazione di eccellenze all'interno delle Società Assistite, contribuendo alla formazione di personale edotto sulle specifiche di legge che oggi ancora purtroppo costituiscono un freno allo sviluppo delle imprese. Tramite questo portale, metto a disposizione la mia (spero utile) competenza, naturalmente in maniera gratuita e per periodi limitati. Nella speranza di essere stato utile Cordialità.
Visualizza anche commenti Facebook
Bravi, mettete i servizi in rete, anche se le aziende sono all'amo.
Visualizza anche commenti Facebook

Inciviltà e senso civico inesistente, c'è Decoro urbano

Vi siete dimenticati che Tagliacozzo ha già da tempo attivato un servizio simile con risultati molto positivi: http://segnalazioni.tagliacozzoservizi.it
Visualizza anche commenti Facebook

Gli alunni della Madonna del Passo salgono in cattedra

Invidiosi !!!
Visualizza anche commenti Facebook
Don Vincenzo De Mario .... pensasse un po' di piu' a TUTTI i parrocchiani , senza fare distinzioni di serie A e di serie B ....
Visualizza anche commenti Facebook

Capriolo morto sulla Tiburtina

possibile, ma strano che un capriolo si sia spinto sin giù della tiburtina, forse il giovane esemplare ha perso le tracce ed è finito nelle zone abitative, sceso di sicuro dal versante sud della montagna di Paterno, proveniente invece dalla parte Nord, dove è fonte capo laMaina per intenderci dove è presente un folto gruppo di caprioli di diverse età. Non sarà arrivato sin giù per fame, nei boschi ne hanno in abbondanza in questo momento, avrà perso la via di casa povero cucciolo che tra l'altro era davvero un bel esemplare. Il mancato soccorso da parte dell'automobilista che lo ha investito probabilmente gli ha garantito la morte, chissà se avesse chiamato subito qualcuno forse si sarebbe potuto fare qualcosa. Trattandosi di ipotesi quella dell'investimento non sarebbe giusto fare qualunquismo, però dobbiamo sempre tener presente che viviano nella regione con più parchi naturali in italia, che tutto sommato non è l'animale ad essere ospite, bensì siamo noi uomini ad essere ospitati da questo ambiente vasto ancora molto prezioso. per rendersene conto basta andare su google map e vedere la marsica fisica dall'alto, è molto molto intuitivo capire che noi abitanti, rispetto alla macchia e la potenziale flora e fauna, siamo davvero una piccola goccia nel mare, quindi dobbiamo prestare attenzione ed avere un forte rispetto. che brutta notizia questa del capriolino. ciao a tutti.
Visualizza anche commenti Facebook
Mi chiedo come sia possibile che quasi quotidianamente vengano investiti animali sulle nostre strade. Gli automobilisti sono distratti o viaggiano ad alta velocità o ...non sono forse in sè? Ci vorrebbe un autorevole richiamo ad una più spiccata sensibilità verso la natura e gli animali che ci circondano. Luca
Visualizza anche commenti Facebook

Corcumello, l'origine del termine 'Secoroncìcola'

Caro Ettorre, come può ben vedere anche in questo caso il suo rispettabile metodo ermeneutico si rivela insufficiente perchè esso non tiene conto della parola "sonci-lica" che significa 'lucertola' in quel di Villa San Sebastiano e che avevo modestamente addirittura in qualche modo previsto nel mio primo commento all'articolo di Valente, quando osservavo che bisognava cercare qualche termine che rispondesse solo a parte della lunga parola (del resto tutte le parole, nella mia visione linguistica, risultano formate da due o più elementi saldati insieme -tranne i monosillabi). Una questione interessante è stabilire se, fra le due parole, è quella di Corcumello o quella di San Sebastiano ad innovare nella parte finale mediante metatesi. A me sta ora balenando nel cervello che -lica debba essere la forma originaria e non -cola, per il semplice motivo che ad essa si salderebbe a pennello la seconda parte di it. luc-erta, che potrebbe essere non corruzione di lat. lac-erta ma sua variante originaria. Cfr. i termini dialettali "luc-ardo" e "lanz-ardo" che indicano una specie di scombro. Anche l'estone sisa-lik 'lucertola' potrebbe essere della partita. Cordiali saluti Pietro Maccallini
Visualizza anche commenti Facebook
Sono Pietro Maccallini. Da qualche giorno mi chiedo come mai Alessandro Valente, l'autore dell'articolo sulla "secoroncicola" che ha suscitato l'intervento di alcuni lettori che gentilmente hanno anche fornito preziose informazioni per l'individuazione del probabile etimo, non si è fatto vivo nemmeno con un "oh!" (interiezione con cui istintivamente e bonariamente spesso dalle nostre parti ci si saluta tra amici e conoscenti). E' proprio il caso di dire che che il nostro autore se la tira, se ciò non dipende da altri motivi a me ignoti. Pazienza!!! Pietro Maccallini
Visualizza anche commenti Facebook
Secoroncìcola, un nome che sembra una frase; non inopportuna se si pensa in bocca ad una piccola comunità, quella di Corcumello che, anticamente costituita soltanto da pastori e agricoltori, come tutte le comunità primitive, era tanto ricca di termini concreti e allegorici quanto scarsa di astratti e generici. Non stiamo qui a ricordare quanto siano noti i serpenti nella Marsica. Chi non sa dei serpari di Cocullo? Quel che colpisce ognuno che veda una serpe per la prima volta è il modo di progredire; curve e torcigli che strisciano. A Corcumello, in tempi remotissimi, ad una piccola serpe, vista nelle sue pieghe, venne paragonata la lucertola, la secoroncìcola: QUELLA CORTA SERPE PICCOLA: da accadico SA ( pronome dimostrativo) QUELLA, accadico KURU corto ( cfr. greco kòros, fanciullo, bambino, piccolo ), accadico ENQU, anello, curvatura ( vedi il nostro INCILE) e accadico QALU, piccolo: SECORONCICOLA. ( Berardo Ettorre)
Visualizza anche commenti Facebook
Gentile lettore, non credere che la forma insolita di ringeschia non abbia una spiegazione. Le parole sono come pietre che col passar del tempo subiscono trasformazioni sempre motivate da qualche fenomeno, mai gratuite: esse tendono a restare intatte se non interviene qualcosa che le costringe a cambiare, ma seguendo certi binari, mai a casaccio. Per la /r/ iniziale la parola di Ortona si allinea con la forma "rancerta" ricorrente in alcuni paesi della Marsica (Trasacco, Castellafiume, ecc.) più vicina al lat. lacerta(m) 'lucertola'. La /r/ iniziale credo sia dovuta alla assimilazione della /l/ iniziale alla /r/ della penultima sillaba. La /n/ che sembra indebitamente inserirsi nel corpo della parola in realtà è dovuta all'influsso di quella di altro animale, la "lince". Interessante è la parte finale -eschia della voce di Otona che dovrebbe derivare da precedente -estla secondo le norme delle forme romanze (cioè delle lingue neolatine) per cui si ha, ad esempio, it. secchio da precedente lat. sit(u)lum 'secchio'. Dicevo che la forma è interessante perchè presenta una /s/ lì dove normalmente si ha la /r/ dal suddetto lat. laceRta(m). Anche qui questa particolarità non sarà gratuita, potrebbe derivare da precedente antichissimo vocabolo per 'lucertola', ma per il momento non so dirle altro. Grazie per la sua preziosa informazione e cordiali saluti Pietro Maccallini
Visualizza anche commenti Facebook
Ad ortona dei marsi ,la lucertola ...e' la ringeschia!!!
Visualizza anche commenti Facebook
Detto velocemente la sua informazione è importantissima ai fini di individuare il vero etimo, almeno parzialmente, del corcumellano "seco-roncìcola": il secondo membro del termine va scritto così perchè, come avevo previsto nel mio precedente intervento, esso può intendersi come derivante dalla "soncilica" di San Sebastiano. La /s/ iniziale di "soncilica" diventa /r/ per dissimilazione da quella iniziale di seco- dando così "seco-roncicola". Il primo membro seco- va confrontato con alcune voci sarde indicanti la libellula e qualche altro animale che non ricordo, cioè con "sega-manus " e "sega-poddighe" (letter. secga- mano e sega-dita) e con "secariello" voce dialettale (vedi Vocabol. Devoto-Oli) che indica alcuni tipi di uccelli. Il significato di fondo originario di queste voci e dei loro membri era quello generico di 'animale'. In "soncilica" si è verificata, a quanto pare, una metatesi nelle due sillabe finali da precedente "sonci-kila", variante di "sonci-cola". Grazie della sua preziosa informazione. Cordiali saluti Pietro Maccallini
Visualizza anche commenti Facebook
Sono Pietro Maccallini di Aielli, appassionato di linguistica, e atipico teorizzatore. Innanzitutto complimenti per la chiarezza e precisione delle sue osservazioni! Va da sè che lei è uno studioso di linguistica o un linguista di professione. Dal nome di famiglia desumo che Lei sia di Corcumello e questo mi fa ancora più piacere: finalmente qualcuno della Marsica che se ne intende! La sua è una proposta accettabile anche se forse potrebbero essercene delle altre. In questi casi risolutiva sarebbe l'individuazione di una radice simile magari ad un solo tratto della lunga parola "seroconcicola". Io sono convinto che in genere i significati specifici dei nomi con cui si indicano gli animali abbiano un significato originario, che sprofonda nella preistoria, di 'animale' tout court. Per ora non saprei darle una mia proposta, anche perchè una fonte molto utile in questi casi, quella del Duls (Dizionario Universale della lingua sarda) di Antonino Rubattu, dove c'era un'abbondanza di radici relative agli animali, è da qualche tempo non più presente nel web. Qualche osservazione: il corc. cacalo (ma significa 'pietruzza' nel dialetto di Corcumello? ad Aielli la stessa voce indica la 'cispa') mi pare più legato alla radice di gr. kakhleks 'ghiaia, ciottolo', ted. Hagel 'grandine'. C'è anche una voce a Lanciano, mi pare, cioè chichilone che significa 'pietra grossa, grandine' che fa il paio con l'altra voce abr. palatilizzata CICELE (vocab. del Bielli) 'ciottolo, endice'. Esiste un lat. saurice(m) 'topo'? perchè i miei vocabolari riportano il termine ma con il significato di 'civetta'. Questo conferma la mia idea del genericissimo significato originario dei termini. Di nuovo complimenti e saluti cordiali Pietro Maccallini
Visualizza anche commenti Facebook
A Massa d'Albe l'abbiamo sempre chiamata Lincerta, di chiara derivazione latina.
Visualizza anche commenti Facebook
Non bisogna andare lontano per trovare un termine siimile. A Villa San Sebastiano territorio confinante con Corcumello la lucertola viene chiamata soncilica. Paolitto
Visualizza anche commenti Facebook

Ex Zuccherificio Sadam, Iacutone scrive alla Pezzopane

Il Signor Iacutone scrive come rappresentente e in nome di tutta la Rsu dell'ex zuccherificio di Celano; l'Rsu è ancora in carica in quanto non si è ritenuto necessario rinnovarla in questi anni di cassa integrazione, soprattutto perchè hanno svolto egregiamente la loro funzione. Tutti e sei i rappresentanti sono legittimati da tutti noi dipendenti dell'ex zuccherificio di Celano, che hanno dato loro mandato a rappresentarli in sede di trattative, incontri, tavoli, comunicati e quant'altro necessario a portare avanti la nostra vertenza. I dipendenti dell'ex zuccherificio di Celano.
Visualizza anche commenti Facebook
Il signore scrive come "ex Rsu" interessato alla riconversione o come rappresentante di Ovindoli? O, ancora, come privato cittadino? F.M.Botticchio
Visualizza anche commenti Facebook

Era in una grotta: ritrovato un giovane di Tagliacozzo

A giudicare dalla foto sembrerebbero gli uomini del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) , e non della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco, del CFS o Carabinieri.
Visualizza anche commenti Facebook

“No alla droga”, grande successo per il convegno di Luco

L'articolo è stato aggiornato con dati più precisi, come richiesto, circa la Presenza del Gruppo Alpini che, comunque, era già menzionata nel testo.
Visualizza anche commenti Facebook
Ricordo agli organizzatori che erano presenti anche altre associzazioni che andavano comunque menzionate nell'articolo su questo convegno. De Felice Bartolomeo Capogruppo del Gruppo Alpini di Luco dei Marsi che conta circa 230 iscritti, grazie.
Visualizza anche commenti Facebook

Oltre 150 alunni ai laboratori “Ambient'Arti”/FOTO

Complimenti! Bellissima iniziativa!
Visualizza anche commenti Facebook
Grazie per l'attenzione mostrata e la pubblicazione della notizia. Lo staff de IL VOLO DEL COLEOTTERO
Visualizza anche commenti Facebook

Quagliariello: “E’ necessario riformare perché è cambiata l’Italia”

Insomma, un convegno a senso unico, dove si esprime soltanto un punto di vista, quello del centro destra che ritiene che le modifiche istituzionali, magari a sfondo semi-presidenziale, siano funzionali a una visione leaderistica del governo dello Stato. Visione molto ristretta e pertanto non condivisa. Il nostro Paese con il fascismo ha avuto un "ventennio" tragico in cui abbiamo perso tutto, anche l'onore, riconquistato soltanto dalla resistenza in cui uomini e donne hanno restituito all'Italia la dignità e il futuro. Poi abbiamo avuto la Costituzione, spesso non interpretata e ancora più spesso non applicata, fino ad arrivare all'ultimo ventennio in cui un ricco signore ha deciso e decide di moficare la Costituzione per indossarla come un abito. Non ci siamo, non ci piacciono gli uomini soli al comando, che peraltro hanno dato pessima prova. Abbiamo, secondo me, bisogno di applicare la Costituzione battendo la disoccupazione, elevando la cultura delle nuove generazioni, mettendo all'indice i fautori delle leggi ad personam, considerando criminali, e non furbi, gli evasori fiscali, non devastando il territorio ma realizzando un grande piano di messa in sicurezza proprio del territorio. Poi si può anche pensare a ridurre i parlamentari (compresi i loro stipendi) e superare il bicameralismo, ma ciò non deve portare al semi presindenzialismo perché significherebbe snaturare la Costituzione. Insomma conservare aprioristicamente non va bene, ma il salto nel buio proprio no. Mario Casale
Visualizza anche commenti Facebook
Non e' la Costituzione ad essere inadeguata ai tempi moderni. E' la classe politica attale che e ' inadeguata.
Visualizza anche commenti Facebook

Frane, vertice con la commissione regionale

Per capire che da questa storia se ne dovrebbe finalmente trarre un giudizio, ed una sconvolgente costatazione, può un'emergenza durare , a dir poco, trenta anni? è possibile che da quantoaccaduto anche negli ultimi anni, a parte questi "caroselli pre- elettorali, non si riesce a vedere e poter verificare, uno straccio di strategia d'intervento, almeno a livello progettuale? Poi vorremmo anche sapere perchè, tornano indietro soldi destinati dai programmi europei, destinati proprio ad interventi mirati alla permanenza nei territori agricoli disagiati? Chi sono i tecnici che si stanno interessando a queste problematiche e su che mandato?
Visualizza anche commenti Facebook

33° Carnevale pescinese

mitico carnevale pescinese
Visualizza anche commenti Facebook

Salviano, scatta l'isola pedonale di domenica

Il bus "effettuerà fermate in via Monte Velino, via Roma, Piazza San Giovanni e via Napoli". L'anno scorso chiamai la Polizia Locale per sapere in quale punto, di fronte a quale civico di Via Monte Velino e/o di Via Roma e/o di Via Napoli fermasse l'autobus ( sono strade lunghe 1 km cadauna)... ma nessuno sapeva nulla. Zero informazioni, orari vaghi, fermate non conosciute. Ma è così difficile, caro Comune, indicare il numero civico dove si trova la fermata? Altro elemento sconcertante: non vi è alcuna indicazione delle stazioni di fermata al ritorno e tantomen0o degli orari!!!!
Visualizza anche commenti Facebook
ma ai matrimoni che gli costa passare da Cese o Capistrello ???
Visualizza anche commenti Facebook

Allarme dal Parco: ignoranza e delinquenza all'assalto

QUANDO SI DECIDERANNO A CONTROLLARE E FERMARE QUESTE PERSONE??? Spero facciano la stessa fine.
Visualizza anche commenti Facebook
La verità sta nel mezzo. Parliamoci chiaro, chi avvelena gli animali quali lupi e volpi è perchè sta proteggendo un altro animale: la pecora! Forse l'Ente parco dovrebbe dirci con quanti soldi e in che tempistiche risarcisce i pastori a cui i lupi divorano il gregge. Il problema è questo. I pastori che vedono decimarsi il gregge sanno che quel danno non verrà risarcito e quindi tentano l'estremo gesto: avvelenano i lupi! Questo riflette il fatto che gli Ente Parco non funzionano: non serve a nulla tutelare stipendi da favola di chi ci lavora!
Visualizza anche commenti Facebook
Balordi !!!
Visualizza anche commenti Facebook

Mobilità alla Ex Micron, in 120 incentivati all'esodo

Caro "troppo facile cosi'.." si vede subito che sei tra quelli che ha un doppio reddito e pure la moglie che lavora in azienda semmai con un posto di lavoro ricevuto grazie al politico "comprato" .E' inutile che te la prendi con l'ala corrotta dei sindacati ....sappiamo benissimo chi è corrotto e chi non lo è...Non ti nascondere dietro gli altri ..Capisco che vorresti eliminare chi è monoreddito con figli e con anni di anzinità ma purtroppo per te non è possibile avere due stipendi dalla stessa a zienda mentre in giro c'è gente monoreddito con moglie e figli a carico che non è assenteismo a zero ore
Visualizza anche commenti Facebook
Caro "occhio alle leve" l'azienda si è impegnata a usare strumenti "conservativi" del posto di lavoro di Tutti .Ha firmato l'impegno e gli sono stati concesse delle agevolazioni ,denaro dallo Stato che preme sui contratti di solidarietà .Al peggio andremo tutti in CIGS
Visualizza anche commenti Facebook
Troppo facile cosi...doppio reddito, chi non ha figli, ecc....tra queste persone, tantissimi sarebbero ottimi lavoratori ma dovrebbero lasciare perchè hanno la "colpa" di avere una moglie o un marito che lavora e magari non avere figli. Invece, secondo questa logica, dovrebbero rimarene i parassiti, assenteisti e chi ha il doppio lavoro (perchè non li avete citati questi ma quelli col doppio reddito si? Mah....) e diamo un premio ai supersindacalizzati storici assenteisti e improduttivi che meritano senza dubbio di guidare la barca. Ma fatemi il piacere......
Visualizza anche commenti Facebook
Ricordo di un supervisore, ancora in servizio attivo, che ci paragonava a delle pecore, diceva che lui alle sue pecore quando non lo ascoltavano " ce tireva n'capo" e lo stesso metodo usava con noi. Quindi ditemi voi se persone del genere possano ricoprire questi ruoli, senza saper affilare due parole in italiano, ma con stipendi d'oro. Anche questa e' la micron.
Visualizza anche commenti Facebook
occhio alla leve competenze che i signori mgr utilizzeranno per scegliere gli amici che NON ANDRANNO IN CIGS tanto i sindacati hanno gia' rinunciato a rappesentarci e corrono a difendere i propri interessi. C'e' un sottile gioco dell'azienda che cerca di svuotare alcuni dipendenti di attivita' girandole ai prescelti pensando che questo crei una differenza di competenze, nulla di piu' falso, anzi sono i presupposti per una denuncia di mobbing che frutta piu' degli incentivi offerti per la mobilita' volontaria. Si l'unica strada di difesa di chi e' preparato e competente ma non simpatico al management e' il giudice li in quella sede le loro regole non valgono.
Visualizza anche commenti Facebook
Condivido.Cominciamo a selezionare anche i manager ed i supervisori per titolo di studio. Avere un manager ragioniere oppure odontotecnico non serve. Per essere competitivi ci vuole gente piu' preparata.
Visualizza anche commenti Facebook
perchè ti asettavi di piu' con i tempi che corrono ,tanto fra 4 o5 anni al massimo chiudera' io come ex dipendente ALCATEL l'ho gia visto questo film sia come protagonista che come spettatore ,NE RIPARLEREMO .
Visualizza anche commenti Facebook

Nasce P.E.C. per le Imprese Individuali

Ripeto, PEC è sinonimo di Posta Elettronica Certificata, come la maggior parte sa; per le società era già entrato in vigore l'obbligo nel 2011; oggi non c'è nessun obbligo ma E' GRATUITA sia per i possessori del solo codice fiscale, sia per i possessori di partita iva per cui è sicuramente conveniente iscriversi. Ti consiglio vivamente di informarti meglio, chiunque tu sia visto che non ti firmi Luciano S.R.
Visualizza anche commenti Facebook
La PEC su Aruba è gratis per il primo anno per le ditte individuali. Quello che si paga subito è la comunicazione alla Camera di Commercio.
Visualizza anche commenti Facebook
Parlavamo di PEC per P.IVA. Non è gratuita informatevi bene!
Visualizza anche commenti Facebook
Si, gratuitamente, ma in questo caso la casella certificata dialogherà solo e soltanto con le Pubbliche Amministrazioni censite nell'IPA (Indice delle Pubbliche Amministrazioni). Con tale casella di PEC non si potrà dialogare con altre caselle di posta certificata detenute da privati e/o ditte commerciali. Ciao, Alessio
Visualizza anche commenti Facebook
Intanto P.E.C. è sinonimo di Posta Elettronica Certificata; inoltre la si può avere gratuitamente a questo indirizzo www.postacertificata.gov.it come suggerito già da tempo da Striscia La Marsica su Facebook Luciano S.R.
Visualizza anche commenti Facebook
La PEC si fa su internet con aruba a € 5,00 annue. non fatevi fregare .
Visualizza anche commenti Facebook

"Cefalonia - 70 anni dopo: è stata scritta tutta la verità?"

Un caro saluto all'amico gen. Giammarco con l'augurio che -come sua onorevole e comprovata abitudine- porti alla ribalta la verità come già avvenne a Sulmona presenti il sottoscritto e Gianfranco Ianni. Dopo 70 anni raccontare ancora che a Cefalonia ci fu una SCELTA di combattere in luogo di un ORDINE del governo 'badogliano' che gettò nella mischia la div. Acqui SENZA aver dichiarato guerra alla Germania e che i Morti furono 10.000 sono 'panzane' che gettano il ridicolo soprattutto su chi le dice tanto più che proprio in questi giorni è uscito il libro del prof.M. Clementi (Camicie nere sull'Acropoli - L'occupazione italiana in Grecia 1941-43), che 'ratifica' quanto scritto con lacrime e sangue dal sottoscritto e poi dall'amico G. Ianni. . Cordialmente avv. Massimo Filippini Orfano del magg. Federico Filippini Martire di Cefalonia
Visualizza anche commenti Facebook
Un caro saluto all'amico gen. Giammarco con l'augurio che -come sua onorevole e comprovata abitudine- porti alla ribalta la verità come già avvenne a Sulmona presenti il sottoscritto e Gianfranco Ianni. Dopo 70 anni raccontare ancora che a Cefalonia ci fu una SCELTA di combattere in luogo di un ORDINE del governo 'badogliano' che gettò nella mischia la div. Acqui SENZA aver dichiarato guerra alla Germania e che i Morti furono 10.000 sono 'panzane' che gettano il ridicolo soprattutto su chi le dice tanto più che proprio in questi giorni è uscito il libro del prof.M. Clementi (Camicie nere sull'Acropoli - L'occupazione italiana in Grecia 1941-43), che 'ratifica' quanto scritto con lacrime e sangue dal sottoscritto e poi dall'amico G. Ianni. . Cordialmente Avv. Massimo Filippini Orfano di un Martire di Cefalonia
Visualizza anche commenti Facebook

Crab, in arrivo 276mila euro

Bravi tutti .adesso manca solo la garanzia da parte di questo governo regionale che l'organico di tutti e tre i centri non venga toccato. 'Cosa significa? Se un centro ha tre risorse tre ne devono rimanere.forse cosi e' chiaro per tutti.
Visualizza anche commenti Facebook

Furto in appartamento, arrestati due avezzanesi

Peró li hanno trovati in casa mentre rubavano...credo ci sia poco da verificare!
Visualizza anche commenti Facebook
ma entrambi son noti purtroppo per loro...
Visualizza anche commenti Facebook
Quante volte ti devono sbattere prima che inizi ad usare il cervello ???
Visualizza anche commenti Facebook
Non e il caso di giudicare indiscriminatamente persone che non si conoscono, questo e solo un articolo generico routine giornalistica. Sara compito della magistratura verificare le circostanze,la situazione, le motivazioni ecc. Quindi si prega di astenersi da giudizi e commenti affrettati o fuori luogo grazie
Visualizza anche commenti Facebook
Ti chiedo scusa per il commento precedente ma preso dalla rabbia non avevo capito l'ironia di quello che hai scritto
Visualizza anche commenti Facebook
Carissimo, Qui non si tratta di avezzanesi o extracomunitari ma di condannare delinquenti che minano la sicurezza di gente onesta. La informo che prima dell'accaduto di ieri il proprietario della casa aveva sporto due denunce a piede libero perché un gruppo di extracomunitari aveva tentato di forzare il portone. Come lo so? Sono il proprietario! Concludo ribadendo che nessuno deve essere cacciato ma almeno severamente punito si!
Visualizza anche commenti Facebook

Pagine

Ultimi commenti

Se la Marsica non reagisce contro questi criminali, tra 10 anni saremo in balia sei...
mostra
torna a dormire
mostra
Parte da lontano la disfatta del Crab. d nascondere c e poco, bastava leggere i bilanci x...
mostra
la privacy non c'è in questo caso.
mostra
Immagino sia stato molto bello vederlo esibirsi, ma c'è probabilità che facciano...
mostra
Ben strane presentazioni di programmi, dove il programma resta celato ben sotto la...
mostra

Dalle nostre vetrine

Approfitta di queste offerte